English version | Cerca nel sito:

Inclini all'amore

nuovo libro di Tijana M. Djerković

La figlia del grande poeta jugoslavo Momcilo Djerković racconta in un romanzo la storia della sua famiglia, che ha attraversato un secolo di storia dei Balcani, dall'epoca degli Imperi alla seconda guerra mondiale fino al conflitto fratricida degli anni '90.

Toccante la figura di nonno MIlovan, che nacque a Bar, sulla costa montenegrina, dove "non c'era nulla in abbondanza se non la pietra e la dignità". Dai 16 ai 35 anni fece il manovale a Vienna, Colonia, New York e perfino in Alaska.  Tornato in patria dovette combattere tre guerre, due balcaniche e la prima guerra mondiale. 


Il primogenito MIhailo si unì ai partigiani di Tito, mentre Momcilo, il poeta e padre dell'autrice, nel 1949 per una falsa denuncia trascorse quattro anni all'inferno, nel gulag jugoslavo di San Gregorio, dove perse un occhio. "Interrogato, umiliato, torturato. Come migliaia di altre vittime. Un'atrocità tra mille: immersi in mare a spalare sabbia, a gennaio, con la bora che soffiava furiosa". 


Raccontò la dignità del suo popolo in versi diventati famosi, fino alla morte sopravvenuta dopo la vera grande tragedia della sua vita, un figlio quarantenne morto improvvisamente nel sonno. "L'unico colpo basso del destino a cui papà non ha saputo resistere. Lui non credeva in Dio. Ma era incline all'amore, come altri sono inclini alla depressione, alla gelosia... Incline all'amore per la vita. E questo lo ha salvato. Ci ha salvato. Mentre tanti, troppi, nel nostro Paese non sono sopravvissuti", racconta la figlia che si è fatta sua biografa. 

18 aprile 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

La storia

Lidija Chukovskaja

scrittrice testimone degli anni del Grande Terrore in Russia