English version | Cerca nel sito:

L'ultima dimora dei dissidenti

al via in Russia un progetto ribelle

"Qui visse Yeraterina Mikhailovna Zhelvatykh, dattilografa, nata nel 1905, arrestata l'11/1/1938, giustiziata il 5/4/1938, riabilitata nel 1957"

"Qui visse Yeraterina Mikhailovna Zhelvatykh, dattilografa, nata nel 1905, arrestata l'11/1/1938, giustiziata il 5/4/1938, riabilitata nel 1957" Mlarisa

Uno sparuto gruppo di storici, giornalisti, docenti e attivisti ha fondato in Russia The last address, associazione che colloca targhette sulle fiancate dei palazzi dove i dissidenti sovietici vissero per l'ultima volta prima di essere deportati. 

Prima di collocare queste placche, che ricordano le "pietre di inciampo" dell'artista tedesco Gunter Demnig, il gruppo si assicura che tutti i residenti siano d'accordo,  il che ha stimolato un dialogo dal basso sul terrore sovietico - non solo quello degli anni '30, ma tutte le persecuzioni avvenute tra il 1917 e la fine dell'URSS. 

"L'obiettivo infatti non è di coprire il Paese di targhe, ma mettere insieme la gente per discutere", ha spiegato al New York Times Sergei Parkhomenko, giornalista e attivista che si è ispirato proprio a Demnig. 

Le placche commemorative sono lisce, con inciso il nome della vittima, la sua data di nascita, di arresto, di esecuzione e di riabilitazione - vengono considerate soltanto le vittime riabilitate. Una famiglia paga l'equivalente di 59 dollari per il posizionamento della targa e ottiene che un'associazione più grande, ormai storica, benché sempre vista come "sediziosa" dai russi nostalgici dell'Impero, come Memorial, riesamini tutta la vicenda del congiunto ucciso.

21 settembre 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Multimedia

I racconti di Kolyma

Trasmissione Il Terzo Anello - Ad alta voce, letto da Piero Baldini

La storia

Aleksandr Men'

un teologo a Mosca durante l'ateismo di Stato