English version | Cerca nel sito:

"La mia vita nel gulag"

testimonianza di una Pussy Rioter

Nadia Tolokonnikova, imprigionata in una colonia penale per aver eseguito una "preghiera punk" contro lo strapotere di Putin in una chiesa, ha dichiarato ai media di trovarsi in una versione moderna del gulag staliniano. 
"Lavoriamo dalle sette e mezza del mattino a mezzanotte e mezza. Non abbiamo più di quattro ore per dormire. Ci danno un giorno libero ogni sei settimane. Ufficialmente siamo noi donne a presentare lettere nelle quali chiediamo di poter fare gli straordinari e di lavorare anche di domenica. Ma in realtà riceviamo l'ordine di scriverle. Al termine della giornata di lavoro le mani sono piene di piaghe e buchi fatti dagli aghi; il tavolo è coperto di sangue, ma tu continui a cucire". 

Le detenute vengono lasciate per ore al freddo, con un bagno ogni cinque di loro. Una donna ha dovuto subire l'amputazione di un piede e di tutte le dita delle mani perché si era assiderata nella camerata priva di riscaldamento. Si viene sottomesse a punizioni corporali per la minima mancanza. 

24 settembre 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

La storia

Lev Emmanuilovic Razgon

scrittore di origine ebraica detenuto nei gulag sovietici