English version | Cerca nel sito:

Se Bouazizi ricorda Jan Palach

rivolte in Maghreb e memoria del comunismo

Lo scorso dicembre Mohammed Bouazizi si è dato fuoco nella capitale della Tunisia innescando la Rivoluzione dei gelsomini, dal nome del fiore nazionale. Altri sei uomini si sono immolati in queste settimane in Egitto, Mauritania e Algeria.

Bouazizi, scrive Antonio Ferrari sul Corriere della Sera, "non può non essere accostato a un altro eroe, il cecoslovacco Jan Palach. Palach, alla fine degli anni '60, si trasformò in torcia umana in piazza San Venceslao a Praga per gridare il suo no all'invasore sovietico. Ma c'è anche una seconda immagine: quella del presidente-dittatore Ben Ali in fuga, che ricorda quella del 1989 del romeno Nicolae Ceausescu".

Per ora, continua il giornalista, "ha vinto quella moltitudine di giovani arabi che hanno indebolito il potere, giorno dopo giorno, con Internet e i blog". Il nuovo Presidente tunisino Ghannouchi ha abolito il Ministero dell'Informazione con cui Ben Ali intimidiva i media e si avvia a formare un governo di unità nazionale. 

Il futuro però presenta gravi incognite: l'ex dittatore è oggetto di solidarietà da parte di molti fratelli arabi, tra cui il colonnello Gheddafi che accusa Wikileaks dei disordini. Ci sono ancora molti nostalgici e gruppi fondamentalisti come in Algeria. "La forza democratica della globalizzazione" non ha ancora garantito una libertà duratura. 

18 gennaio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Multimedia

I racconti di Kolyma

Trasmissione Il Terzo Anello - Ad alta voce, letto da Piero Baldini

La storia

Vincenzo Baccalà e Maria Pia Piccioni

una testimonianza italiana dai gulag sovietici