English version | Cerca nel sito:

Una giornata di Ivan Denisovic

50 anni fa il capolavoro di Solgenitsin

Nel novembre del 1962 usciva la prima opera di Aleksandr Solzhenicyn, testimone inascoltato del gulag e fecondo pensatore onorato come Giusto nel Giardino di Milano.

La rivista russa Novy Mir pubblicò quest'opera, che faceva conoscere al mondo la disumanizzazione del regime sovietico presentando la giornata tipo dell'internato nei lager dell'URSS. Secondo la rivista online Tempi, il libro "racconta con freddezza le “gesta” di Ivan, che cerca, come tutti gli altri 364 giorni dell’anno, di non morire di fame o di freddo e di restare un uomo".


Solgenitsin era stato rinchiuso nel gulag tra il 1945 e il 1953 per aver scritto alcune lettere in cui criticava la conduzione della guerra sotto Stalin. "Come scrive Marta Dell’Asta su Avvenire", ricorda l'articolo di Tempi, «Solzhenicyn compì un miracolo straordinario: fece sì che in un paese, in una cultura, dove tutto era ideologia, alla parola tornasse a corrispondere il suo senso diretto, reale. Senza più interpretazioni, sovrapposizione e censure. Alcuni anni più tardi, alcuni ragazzi avrebbero trovato una formula molto espressiva che spiegava l’efficacia di ciò che aveva compiuto Solzenicyn in letteratura: “Scrivere la verità perché la parola viva”. (…) La storia di Ivan Denisovic risultò così “vera” che tanti, tantissimi scrissero: quello era il mio lager; quel detenuto io lo conosco; quello sono io…».

28 novembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Multimedia

Goodbye Lenin

di Becker Wolfgang

La storia

Anna Achmatova

la poetessa del dissenso