English version | Cerca nel sito:

Holodomor, genocidio per fame

colpì l'Ucraina negli anni '32-'33

L'Ucraina, un Paese contadino, era la terra d'origine di molti kulaki, i piccoli proprietari terrieri odiati da Stalin. Per questo l'Unione Sovietica inflisse agli ucraini un gravissimo crimine, la chiusura e requisizione di tutti i granai e generi alimentari. Venne inoltre impedito alla popolazione di fuggire verso luoghi dove si trovava ancora cibo
La Storia siamo noi ha ricordato questa ricorrenza con una puntata toccante per le testimonianze riportate: 





Ogni anno nel mondo l'Holodomor o "sterminio per fame" viene ricordato il quarto sabato di novembre con l'accensione di una candelina o fiaccola. Un'opera per conoscere questa tragedia mediante l'arte del fumetto è Quaderni ucraini del disegnatore Igort, che Gariwo ha intervistato. Le vittime furono dai 4,5 ai 7 milioni. L'Holodomor è stato definito ufficialmente genocidio dal governo ucraino, dal Parlamento Europeo e dal Sacro Sinodo della Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca, come pure dalle assemblee legislative di Argentina, Australia, Canada, Estonia, Georgia, Ungheria, Lituania, Polonia e Stati Uniti. 

Il 6 maggio 1933 Stalin rispondeva con queste parole alla richiesta dello scrittore Mihail Solohov di inviare soccorsi alimentari alla popolazione stremata: "....gli stimati agricoltori del suo distretto, e non solo del suo, hanno fatto scioperi e sabotaggi, ed erano pronti a lasciare senza pane gli operai e l'Armata rossa! Il fatto che si trattasse di un sabotaggio silenzioso e in apparenza pacifico (senza spargimento di sangue) è un fatto che non cambia per nulla la sostanza della faccenda, ossia che quegli stimati agricoltori hanno cercato di scalzare il potere sovietico. Facendogli guerra a oltranza, caro compagno Solohov!" (p. 154, Libro nero del comunismo). La carestia determinò, insieme all'annientamento dei contadini, lo sterminio delle élites culturali, religiose e intellettuali ucraine, tutte categorie considerate "nemiche del socialismo". 

Eventi e commemorazioni in Italia

Presso il Lazzaretto di Cagliari mostra "Holodomor, carestia artificiale" dal 23 novembre al 1 dicembre 2013 ideata e realizzata dall'associazione OCI - Organizzazione Cittadini Immigrati. Esposto materiale d'epoca proveniente anche dall'Ambasciata Italiana nell'URSS. 

Presso la sala Ripa del Carcere Borbonico di Avellino, mercoledì 20 novembre celebrazione alla presenza dell'Ambasciatore ucraino Leonid Domaretsky, con lo storico Giovanni Sasso, il professore di Storia delle religioni Ottavio di Grazia, il presidente dell'associazione Ucraini irpini Oksana Bybliv e altri studiosi.

21 novembre 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Holodomor

un genocidio per fame

La Grande Carestia (Holodomor in ucraino significa "infliggere la morte mediante la fame"), organizzata intenzionalmente dal regime sovietico, colpì l'Ucraina negli anni 1932-1933. Secondo i dati dei ricercatori, le ragioni più colpite dalla carestia sono state: l'attuale regione di Poltava, la regione di Sumy, la regione di Kharkiv, la regione di Cherkasy, la regione di Kyiv, la regione di Zhytomyr, con il 52,8% delle vittime. In realtà Holodomor si estese al tutto il Centro, Sud, Est e Nord dell'Ucraina.
Tenuto conto che nel 1932 in Ucraina vivevano 32.680.00 persone, diverse fonti convergono nella valutazione delle vittime con una stima che va dai 4.5 ai 6 o 7 milioni. Il giornalista Paolo Rumiz parla di "almeno sei milioni di morti per fame nella sola Ucraina" e cioè "25mila al giorno", "17 al minuto", specificando poi che "un morto su tre era bambino o neonato".

leggi tutto

Multimedia

Holodomor, la Grande Carestia

genocidio pianificato dall'Urss ai danni del popolo ucraino