English version | Cerca nel sito:

Holodomor in Ucraina: genocidio per fame

75° anniversario

Bambino che muore di fame durante l'Holodomor (foto Wikicommons)

Bambino che muore di fame durante l'Holodomor (foto Wikicommons)

Il 22 novembre 2008 a Kiev la "fiamma della candela inestinguibile", dopo aver viaggiato attraverso 33 Paesi, si riunirà a milioni di candele accese in memoria dei morti per fame nella la Grande Carestia organizzata intenzionalmente dal regime sovietico che colpì l'Ucraina negli anni 1932-1933. Con la legge del 29 novembre 2006 l'Ucraina ha istituito il quarto sabato di novembre giornata di commemorazione dell'Holodomor. Con la Risoluzione del 23 ottobre 2008 il Parlamento europeo ha riconosciuto l'Holodomor crimine contro l'umanità.

Intervento inviatoci dal Console Generale dell'Ucraina

Milano, 21 novembre 2008

Cari Amici,

in questi giorni l’Ucraina celebra il 75° anniversario di uno dei più tragici avvenimenti della sua storia – l’Holodomor – la carestia artificiale pianificata dal regime staliniano negli anni 1932-1933.
Milioni di persone furono sterminate senza che rimanesse alcun segno del loro passaggio sulla terra, senza nomi né tombe a testimoniarne almeno la memoria.
Gli sforzi che l’Ucraina d’oggi fa per raccontare a tutto il mondo le pagine della sua tragica storia sono legati alla necessità che l’Holodomor sia riconosciuto come un crimine contro l’umanità, un genocidio.
Il sostegno internazionale è molto importante per accrescere la nostra fiducia nel rinnovo della giustizia storica e per rinforzare la nostra volontà di ottenere il riconoscimento della verità storica.
Non abbiamo intenzione di operare rivendicazioni sul passato, che ormai non può essere cambiato. Il nostro obiettivo è ristabilire la dignità e onorare la memoria di milioni di nostri concittadini, che sono stati privati in modo crudele della cosa più preziosa – la vita. Per questo ci sentiamo impegnati a ripristinare le vicende del nostro passato per come si sono realmente svolte. Il nostro obiettivo è la comprensione profonda dell’Holodomor sia all’interno del Paese che a livello internazionale, consapevoli come siamo che il mondo, quando favorisce l’amnesia e la falsificazione della Storia, è condannato a ripetere i suoi peggiori errori.

Domani, 22 novembre, il percorso della simbolica “candela inestinguibile” – una fiaccola con la scritta l’Ucraina ricorda – il mondo riconosce, che ha attraversato oltre 33 Paesi del mondo, inclusa la città di Milano il 7 settembre scorso, termina il suo viaggio in Ucraina, dove si svolgeranno le manifestazioni commemorative ufficiali dedicate al 75° anniversario della tragedia del popolo ucraino per rendere omaggio a coloro che sono morti come conseguenza della carestia artificiale, l’Holodomor.

Dott. Volodymyr Yatsenkivskyi

Console Generale dell’Ucraina


Holodomor

21 novembre 2008

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Holodomor

un genocidio per fame

La Grande Carestia (Holodomor in ucraino significa "infliggere la morte mediante la fame"), organizzata intenzionalmente dal regime sovietico, colpì l'Ucraina negli anni 1932-1933. Secondo i dati dei ricercatori, le ragioni più colpite dalla carestia sono state: l'attuale regione di Poltava, la regione di Sumy, la regione di Kharkiv, la regione di Cherkasy, la regione di Kyiv, la regione di Zhytomyr, con il 52,8% delle vittime. In realtà Holodomor si estese al tutto il Centro, Sud, Est e Nord dell'Ucraina.
Tenuto conto che nel 1932 in Ucraina vivevano 32.680.00 persone, diverse fonti convergono nella valutazione delle vittime con una stima che va dai 4.5 ai 6 o 7 milioni. Il giornalista Paolo Rumiz parla di "almeno sei milioni di morti per fame nella sola Ucraina" e cioè "25mila al giorno", "17 al minuto", specificando poi che "un morto su tre era bambino o neonato".

leggi tutto