English version | Cerca nel sito:

A proposito di genocidi... il riconoscimento del genocidio armeno

editoriale di Pietro Kuciukian

Il direttore del Centro Irlandese dei diritti umani, William A. Schabas, ha scoperto negli archivi della Corte di Giustizia dell’Aja una dichiarazione ufficiale del governo USA del 1951 sul genocidio degli armeni. A seguito della seduta dell’assemblea generale dell’ONU sulla “Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del crimine di Genocidio” votata il 9 dicembre del 1948 con l’astensione del governo turco, il governo USA ha depositato le sue osservazioni per iscritto in questi termini:...oltre a ciò che è avvenuto durante la seconda guerra mondiale, la pratica genocidaria è avvenuta durante tutta la storia umana. La persecuzione romana dei cristiani, i massacri turchi degli armeni, lo sterminio di ebrei e polacchi, sono esempi del crimine di genocidio. Questo documento può dare nuovo vigore alla battaglia che si sta conducendo negli Stati Uniti per il riconoscimento ufficiale della verità storica del genocidio degli armeni del 1915 -1916 ad opera del governo dei Giovani Turchi.

Pietro Kuciukian, console onorario d’Armenia in Italia

Analisi di Pietro Kuciukian, console onorario d’Armenia in Italia

8 luglio 2008

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Negazionismo

il nemico della verità dei genocidi

Una delle caratteristiche ricorrenti nei fenomeni genocidari è il tentativo dei persecutori di occultare le prove dei massacri e negare l'intenzione dello sterminio, attribuendone la responsabilità alle stesse vittime, con un'operazione pianificata di mistificazione della realtà. 
Per attuare questo disegno risulta fondamentale piegare il linguaggio alle proprie esigenze. I nazisti ponevano un'attenzione maniacale all'uso di termini "neutri" per descrivere, non solo all'esterno, ma anche fra loro, la politica antiebraica: "soluzione finale" anziché sterminio, "trasporto" piuttosto che "deportazione"; gli stessi artifici linguistici utilizzati dagli autori del primo genocidio del XX secolo.

leggi tutto

Scopri tra gli Editoriali

Il libro

La spiritualità armena

Boghos Levon Zekiyan

Multimedia

Intervento del console armeno Pietro Kuciukian

durante la cerimonia al Giardino dei Giusti di Milano

La storia

Beatrice Rohner

protesse i bambini armeni dal genocidio