Gariwo: la foresta dei Giusti

English version | Cerca nel sito:

Lo storico Jan Tomasz Gross rischia il processo

per aver detto che i polacchi uccisero gli ebrei

Jan Tomasz Gross

Jan Tomasz Gross AP Photo/Alik Keplicz

Lo storico Jan Tomasz Gross, che si è occupato a fondo del pogrom di Jedbawne nel quale diverse centinaia di ebrei furono uccisi dai vicini "polacchi etnici", rischia di andare a processo per l'esito dei suoi studi.

Gross in particolare è finito sotto indagine per la seguente frase: "Si considerino i polacchi, che, pur meritandosi a pieno titolo di andare fieri della resistenza antinazista della loro società, uccisero durante la guerra più ebrei che tedeschi".

Il procuratore generale della Repubblica Polacca ha reso noto in ottobre che intende approfondire le inchieste a carico dello studioso, invece di dar luogo all'archiviazione che era stata in un primo tempo decisa dal tribunale ordinario. 

Qualora condannato, Gross rischierebbe fino a 3 anni di reclusione. L'accademico ha dichiarato dalla sua casa negli Stati Uniti al giornale israeliano Haaretz: "Questa cosa è molto disturbante. Non credo che una corte giudiziaria sia il luogo deputato per stabilire la verità storica sulle relazioni ebraico-polacche".

Secondo le nuove leggi in vigore in Polonia, volute dal governo Duda, dichiarare che i polacchi furono responsabili della Shoah è punibile con il carcere. Questo, anche se è accertato che durante la Seconda Guerra Mondiale molti polacchi uccisero ebrei. Per la precisione i "polacchi etnici" uccisero circa 30.000 tedeschi, ma un numero compreso tra i 100 mila e i 200 mila ebrei. 

In particolare, per le leggi polacche, è vietato definire "polacchi" i lager nazisti. Molti cittadini polacchi hanno purtroppo fatto pervenire al Procuratore generale lettere personali contro Gross, accusandolo di "danneggiare la reputazione della Polonia". Contemporaneamente, tuttavia, si registra anche un ampio dibattito internazionale, che ha trovato spazio anche sulle pagine di Gariwo, sulla necessità di fermare quest'ondata di leggi liberticide e negazioniste. 

2 novembre 2016

Negazionismo

il nemico della verità dei genocidi

Una delle caratteristiche ricorrenti nei fenomeni genocidari è il tentativo dei persecutori di occultare le prove dei massacri e negare l'intenzione dello sterminio, attribuendone la responsabilità alle stesse vittime, con un'operazione pianificata di mistificazione della realtà. 
Per attuare questo disegno risulta fondamentale piegare il linguaggio alle proprie esigenze. I nazisti ponevano un'attenzione maniacale all'uso di termini "neutri" per descrivere, non solo all'esterno, ma anche fra loro, la politica antiebraica: "soluzione finale" anziché sterminio, "trasporto" piuttosto che "deportazione"; gli stessi artifici linguistici utilizzati dagli autori del primo genocidio del XX secolo.

leggi tutto

Multimedia

"Nessun dubbio sul genocidio armeno"

A. Ferrari intervista P. Kuciukian su Corriere. it