Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Prevenzione persecuzioni

Dialogo con Agnes Heller

Mercoledì 24 ottobre alle 18, ai Frigoriferi Milanesi, Ágnes Heller dialogherà con Laura Boella, Francesco M. Cataluccio, Giovanna Costanzo, Vittoria Franco, Cristina Guarnieri Castelvecchi e Gabriele Nissim. Ingresso libero


Ulianova Radice, la bellezza delle persone buone

Ho rivisitato alcune riflessioni di Agnes Heller, pensando alla mia cara amica Ulia che ci ha lasciati. Aveva un carattere duro e ostinato che a prima vista sembrava persino intransigente, ma dietro a tutto questo c’era una storia magnifica di responsabilità verso gli altri e il mondo circostante.


Una luce che non si spegne

Gariwo è rimasta orfana. Ha perso un pezzo della sua storia. L’annuncio è arrivato ieri da Gabriele Nissim, fondatore dell’associazione che promuove i Giusti, al di là della propria appartenenza. La direttrice di Gariwo, Ulianova Radice, che arricchiva l’anima di questo club generoso che, partendo dal Monte Stella di Milano, è diventato internazionale ed è conosciuto in Europa e in tutto il mondo, ci ha lasciato ieri.


Addio a Ulianova Radice

Si è spenta oggi a Milano, all’età di 64 anni, il direttore di Gariwo Ulianova Radice. Filosofa, fondatrice di Gariwo insieme a Gabriele Nissim, Pietro Kuciukian e Anna Maria Samuelli, da sempre impegnata a diffondere le storie e i valori dei Giusti. Nelle prossime ore vi daremo notizie sulla cerimonia di commemorazione con la quale daremo un ultimo saluto a Ulia.


Il grande narratore del "Secolo Russo"

A cento anni dalla nascita e a dieci dalla morte, Aleksandr Solženicyn viene ricordato con una grande mostra fotografica, dal 7 al 14 novembre 2018, all' Università Statale di Milano. 


Sul clima al mondo serve una rivoluzione

Per evitare gli effetti più catastrofici dei cambiamenti climatici, il mondo ha bisogno di politiche senza precedenti. È quanto emerge dal rapporto del panel Onu sul riscaldamento globale. Non basterebbe infatti limitare, come stabilito dagli accordi di Parigi del 2015, la crescita della temperatura media a un massimo di 2 gradi: il punto di non ritorno sarebbe più vicino a 1,5 gradi, di cui 1 già raggiunto.