English version | Cerca nel sito:

Prevenzione persecuzioni

A Yad Vashem "l'imam degli ebrei"

Il capo della moschea di Drancy Hassen Chalghoumi è in visita al Memoriale israeliano della Shoah. Ha incontrato leader spirituali e civili ebrei e palestinesi. Nelle sue parole il dolore per l'aggressione a Lione e l'auspicio che "milioni di musulmani" ricordino l'Olocausto.


Gebert: "Ricordiamo i Giusti ancora poco conosciuti"

Il giornalista ed esponente di Solidarnosc Konstanty Gebert ha parlato con Gariwo della Giornata europea dei Giusti. Ha raccontato la storia del Giusto polacco Henrik Sławik e ha ricordato che la Polonia deve fare i conti sia con il nazismo che con il comunismo. 


Svetlana Broz sulla Giornata Europea dei Giusti

La Presidente di Gariwo Sarajevo e autrice di libri sugli “uomini giusti nel tempo del male” e sul tema del coraggio civile ci testimonia l'importanza per il suo Paese della Giornata Europea dedicata ai Giusti.


La Giornata europea dei Giusti ci sarà

È arrivata la conferma ufficiale di Bruxelles: abbiamo superato le 378 firme necessarie per dare vita alla Giornata europea in onore dei Giusti. L'approvazione della Dichiarazione scritta n. 3/2012 promossa da Gariwo è una pietra miliare, perché è la prima Dichiarazione del Parlamento Europeo in materia di prevenzione dei genocidi. Rassegna stampa all'interno. 


352 firme per la Giornata europea dei Giusti

Il Presidente di Gariwo Gabriele Nissim ha raccolto a Bruxelles molte nuove firme per l'istituzione di una Giornata europea dei Giusti. 352 europarlamentari hanno riconosciuto la bontà della nostra iniziativa sottoscrivendo la Dichiarazione scritta n. 3/2012


Corso sulla Shoah ai docenti rwandesi

Gli insegnanti del Museo dell'Olocausto americano Drew Beiter e Mark Gudgel hanno organizzato un seminario di tre giorni in Rwanda. È stata un'esperienza "indimenticabile", che ha fornito ai docenti del Paese delle Colline "maggiori strumenti per poter toccare argomenti ancora tabù a soli 17 anni dal genocidio".


Prevenzione delle persecuzioni

la memoria, i Giusti, l'impegno internazionale

La prevenzione dei genocidi e più in generale dei crimini contro l'Umanità è all'ordine del giorno della politica internazionale dopo le tragedie del Novecento in Europa e l'apertura di altri fronti di persecuzione e di sterminio nel mondo. La sensibilità degli Stati è cresciuta con l'entrata nel nuovo millennio, ma rimane ancora molto limitata e troppo spesso impotente.
Daniel J. Goldhagen, autore del famoso saggio I volenterosi carnefici di Hilter, nel successivo Peggio della guerra: lo stermini di massa nella storia dell'Umanità, conia un nuovo termine - eliminazionismo - per indicare tutte le forme di sterminio di massa, sottolineandone il carattere politico, di scelta lucidamente operata dai carnefici per ricavarne un vantaggio di potere.

leggi tutto

Multimedia

La prevenzione di genocidi

Marcello Flores, Yair Auron, Gerard Malkassian