Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Prevenzione persecuzioni

"Dobbiamo saper distinguere il Bene dal Male"

Il pontefice è intervenuto nel Bundestag affermando: "È evidente che nelle questioni fondamentali del diritto, nelle quali è in gioco la dignità dell’uomo e dell’umanità, il principio maggioritario non basta: nel processo di formazione del diritto, ogni persona che ha responsabilità deve cercare lei stessa i criteri del proprio orientamento".


In Sudan diciamo 'Mai più'. ma sul serio!

L'autore de I volenterosi carnefici di Hitler e Peggio della guerra invita a riflettere sulla tragedia del Sudan e sulla possibilità che gli ebrei si facciano portavoce delle sofferenze dei popoli colpiti da genocidio e della necessità di intervenire per fermare la mano agli assassini. All'interno la nostra traduzione dell'intervento pubblicato dalla rivista Forward.


La giustizia internazionale esiste

Mladic in manette è un importante passo avanti per la giustizia internazionale e aprirà le porte dell'Unione europea alla Serbia.


La giustizia sociale di Martha Nussbaum

La filosofa stila una lista di 10 capacità umane centrali, ciascuna delle quali è ugualmente rilevante e insostituibile, che devono essere garantite costituzionalmente da ciascuna nazione per ciascun individuo.


Gli usi e abusi del termine "genocidio"

Di fronte a uno qualsiasi dei massacri sistematici del Ventesimo secolo, molte persone direbbero semplicemente: “Non sarò un avvocato, ma riconosco un genocidio quando lo vedo”. La realtà del genocidio può essere facile da cogliere a istinto, ma la sua definizione è complessa.


Il male può essere banale?

Le riflessioni sulle considerazioni di Hannah Arendt a 50 anni dallo storico dibattimento.

Interventi di Yaacov Lozowick, Deborah Lipstadt, Gabriele Nissim, Sante Maletta, Alessandro Matrangolo, Salvatore Pennisi.


Prevenzione delle persecuzioni

la memoria, i Giusti, l'impegno internazionale

La prevenzione dei genocidi e più in generale dei crimini contro l'Umanità è all'ordine del giorno della politica internazionale dopo le tragedie del Novecento in Europa e l'apertura di altri fronti di persecuzione e di sterminio nel mondo. La sensibilità degli Stati è cresciuta con l'entrata nel nuovo millennio, ma rimane ancora molto limitata e troppo spesso impotente.
Daniel J. Goldhagen, autore del famoso saggio I volenterosi carnefici di Hilter, nel successivo Peggio della guerra: lo stermini di massa nella storia dell'Umanità, conia un nuovo termine - eliminazionismo - per indicare tutte le forme di sterminio di massa, sottolineandone il carattere politico, di scelta lucidamente operata dai carnefici per ricavarne un vantaggio di potere.

leggi tutto

Multimedia

La prevenzione di genocidi

Marcello Flores, Yair Auron, Gerard Malkassian