English version | Cerca nel sito:

Il prof. palestinese che portò gli alunni ad Auschwitz

minacciato, insiste: "Non voglio essere complice"

Il professore universitario palestinese Mohammed S. Dajani Daoudi ha portato gli studenti in viaggio ad Auschwitz a marzo nell'ambito del progetto di risoluzione dei conflitti "Cuori di carne, non di pietra" dell'Università Friedrich Schiller di Jena, che ha previsto anche una sosta nel campo profughi palestinese di Dheishe.  
A visitare il museo del lager c'erano ragazzi ebrei, tedeschi e palestinesi. Al ritorno, il professor Dajani ha spiegato al giornalista Matthew Kalman del giornale Haaretz che "il viaggio è andato bene come previsto. Ha aiutato a instillare negli allievi l'impegno ad alleviare quella desolazione umana rifiutandosi di assistere passivamente alla violenza. Certe tragedie non devono più ripetersi, e per garantire questo dobbiamo sviluppare una cultura di moderazione, tolleranza e accettazione delle nostre diversità". 

A causa di una cattiva traduzione su un giornale arabo, il messaggio del docente è stato stravolto e Dajani ha ricevuto minacce e intimazioni a non tornare più a Ramallah dove ha la cattedra. L'accusa è di "fare il lavaggio del cervello ai palestinesi cercando di cambiarne la mentalità attraverso l'insegnamento di grandi bugie e macchinazioni come l'Olocausto e la sofferenza degli ebrei", che per gli estremisti servirebbero solo a giustificare "il furto della terra" ai palestinesi da parte degli ebrei. 

Il professore non si è dato per vinto. La sua risposta è chiarissima: 

"Andrò a Ramallah, andrò all'università, metterò le foto della nostra visita su Facebook, e non mi pento nemmeno per un secondo di ciò che ho fatto. Anzi, lo rifarò se ne avrò l'opportunità. Non tacerò, non nasconderò i fatti, non rimarrò passivo a guardare nemmeno se le vittime per cui mostro empatia sono i miei occupanti. E questo è il mio giudizio definitivo sulla questione".  

11 aprile 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Prevenzione delle persecuzioni

la memoria, i Giusti, l'impegno internazionale

La prevenzione dei genocidi e più in generale dei crimini contro l'Umanità è all'ordine del giorno della politica internazionale dopo le tragedie del Novecento in Europa e l'apertura di altri fronti di persecuzione e di sterminio nel mondo. La sensibilità degli Stati è cresciuta con l'entrata nel nuovo millennio, ma rimane ancora molto limitata e troppo spesso impotente.
Daniel J. Goldhagen, autore del famoso saggio I volenterosi carnefici di Hilter, nel successivo Peggio della guerra: lo stermini di massa nella storia dell'Umanità, conia un nuovo termine - eliminazionismo - per indicare tutte le forme di sterminio di massa, sottolineandone il carattere politico, di scelta lucidamente operata dai carnefici per ricavarne un vantaggio di potere.

leggi tutto

Multimedia

La prevenzione di genocidi

Marcello Flores, Yair Auron, Gerard Malkassian