English version | Cerca nel sito:

Prevenire i genocidi

attività del Museo dell'Olocausto di Washington

Il sito dello United States Holocaust Memorial Museum contiene una sezione molto importante dedicata agli sforzi che gli uomini e gli Stati possono fare per prevenire gli stermini di interi popoli. 

Preventing genocide, questo il nome della sezione, ha due principali aree: quella delle azioni che è possibile intraprendere e quella dedicata ai massacri moderni (Bosnia, Congo, Rwanda, Darfur). 

Il visitatore è invitato a dichiarare per iscritto il proprio impegno personale contro il genocidio. L'hanno fatto sia persone comuni sia protagonisti degli eventi internazionali, come il generale dell'UNAMIR Roméo Dallaire che cercò di prevenire il massacro dei Tutsi in Ruanda nel 1994. Il Museo ha poi istituito un Comitato di autorità impegnate contro le stragi, presieduto da Madeleine Albright e William Cohen. Questo ente, attivo in ambito diplomatico, ha redatto una serie di linee guida contro i genocidi. 

Per quanto riguarda i massacri in corso nel mondo Preventing genocide contiene rapporti, interviste ai sopravvissuti, interventi di studiosi, un blog, una sezione podcast, una rassegna di diritto internazionale e un elenco di iniziative. Al momento dedica particolare spazio al Sudan, il cui Presidente è accusato di crimini contro l'umanità ai danni della popolazione del Darfur. 

17 novembre 2010

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Prevenzione delle persecuzioni

la memoria, i Giusti, l'impegno internazionale

La prevenzione dei genocidi e più in generale dei crimini contro l'Umanità è all'ordine del giorno della politica internazionale dopo le tragedie del Novecento in Europa e l'apertura di altri fronti di persecuzione e di sterminio nel mondo. La sensibilità degli Stati è cresciuta con l'entrata nel nuovo millennio, ma rimane ancora molto limitata e troppo spesso impotente.
Daniel J. Goldhagen, autore del famoso saggio I volenterosi carnefici di Hilter, nel successivo Peggio della guerra: lo stermini di massa nella storia dell'Umanità, conia un nuovo termine - eliminazionismo - per indicare tutte le forme di sterminio di massa, sottolineandone il carattere politico, di scelta lucidamente operata dai carnefici per ricavarne un vantaggio di potere.

leggi tutto

Multimedia

La prevenzione di genocidi

Marcello Flores, Yair Auron, Gerard Malkassian