English version | Cerca nel sito:

Il volto della nuova Bosnia

alle prese con il primo censimento dal 1991

Si chiude oggi, 15 ottobre, il primo censimento della popolazione della Bosnia Erzegovina dal 1991. L’indagine è stata richiesta dalla Comunità europea, nell’ambito del processo di allargamento dell’Unione - alla quale la Bosnia mira ad aderire.

Il censimento è un evento importante per il Paese, dal momento che l’ultimo rapporto di questo tipo era stato stilato prima del genocidio. Il rischio, tuttavia, è di esacerbare tensioni etniche che non si sono ancora sanate a distanza di 20 anni.

Al centro della questione sono tre domande - la 24, la 25 e la 26 - che fanno riferimento alla nazionalità e al gruppo etnico e religioso di appartenenza. Dalla fine del genocidio infatti, la Bosnia Erzegovina è divisa, costituzionalmente e amministrativamente, in tre grandi gruppi: serbi, croati e bosgnacchi. L’impianto del Paese - stabilito dalla Costituzione di Dayton - è tuttavia stato giudicato discriminatorio dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2009. La Corte ha infatti giudicato iniquo il sistema di spartizione delle cariche e degli impieghi pubblici secondo il criterio delle quote da assegnare ai tre gruppi - calcolate sulla base del censimento del 1991 - che non tiene conto della presenza nel territorio di altre minoranze, come gli ebrei, i rom e i figli di matrimoni misti che si sono rifiutati di scegliere l’appartenenza a un gruppo.

Ora, la questione va oltre un mero calcolo matematico, ma nel censimento in questione viene richiesto ai cittadini di specificare la propria appartenenza etnica, sbarrando una delle tre caselle a disposizione o scrivendo per esteso il proprio gruppo etnico in un apposito spazio. Il paradosso è che non esiste una casella che indichi la semplice cittadinanza “bosniaco erzegovese”, a dimostrazione del fatto che, ancora oggi, le forme di identificazione prevalenti nel Paese sono essenzialmente etniche e religiose.

Qualcuno ha visto nel censimento la possibilità di superare le divisioni e di avviare un processo di unità e riconciliazione. Gli attivisti per i diritti umani hanno lanciato la campagna A citizen above all (Un cittadino prima di tutto), per sensibilizzare la popolazione al tema dell’appartenenza a una nazione prima che a un gruppo etnico.
Dal lato opposto, invece, diversi leader politici e religiosi hanno difeso la classificazione etnica dei cittadini, concentrando le loro argomentazioni sul “dovere nazionale di dichiarare la propria etnia”. In realtà, il timore di questi partiti è che la nuova fotografia del Paese li possa portare a perdere posizioni, alla luce di una ridistribuzione delle quote basata sui nuovi dati del censimento.

“Con tutto quello che è accaduto negli ultimi 20 anni, non è più possibile immaginare un Paese che sia solamente dei suoi cittadini, è troppo tardi - ha spiegato Zlatko Dizdarevic, direttore di Oslobodenje - Per questo progetto avremmo bisogno dei prossimi 20 anni, ma servirebbero un sistema educativo, politico e un sistema dell’informazione completamente diversi da quelli attuali”.

Sondaggi alla mano, solo il 20% della popolazione si definisce “cittadino bosniaco”, mentre gli altri continuano a sentirsi legati all’appartenenza etnica. A causare questa divisione pesano fattori diversi, ma soprattutto elementi di politica interna. La società bosniaca è infatti frammentata in ogni settore della vita quotidiana: ci sono scuole differenziate per bambini delle varie etnie, ospedali separati, compagnie telefoniche separate, persino aziende separate. Questa frammentazione è poi aggravata dalle ferite del conflitto, ancora aperte tra la popolazione, che misura ogni decisione rapportandola ai risultati della guerra. “Con il censimento - si dice a Sarajevo - molti temono che il non identificarsi come bosgnacchi sarà visto come l’accettazione di ciò che i serbi hanno fatto ai bosgnacchi durante la guerra, e il non identificarsi come serbi sarà visto come l’accettazione di ciò che i bosgnacchi e i croati hanno fatto ai serbi”.

I risultati del censimento saranno resi noti a gennaio, e mostreranno il volto della nuova Bosnia, ancora intrappolata tra un passato sanguinoso e un futuro incerto.

15 ottobre 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




La pulizia etnica

nella ex-Jugoslavia

La Jugoslavia federale era costituita da sei repubbliche (Serbia, Croazia, Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia) e due regioni autonome unite alla Serbia (Kosovo e Vojvodina). Con la morte di Tito, nel 1980, scoppiano le tensioni politiche che sono all'origine della guerra civile tra le varie repubbliche che componevano lo Stato federale.
Nel periodo che va dal 1990 al 1999, con un precedente nel 1989, quando la Serbia si oppone all'autonomia del Kosovo, le parti in guerra utilizzano a più riprese la pulizia etnica per prevalere.

leggi tutto

Multimedia

Vukovar, 20 anni dopo

il racconto della strage dalla figlia di una vittima (di Osservatorio Balcani)

La storia

Natasha Kandic

attivista dei diritti umani in Serbia