English version | Cerca nel sito:

La scelta

i Giusti di Bosnia in scena

Gli attori e autori teatrali Marco Cortesi e Mara Moschini hanno realizzato lo spettacolo La scelta sulla base del libro di Svetlana Broz I giusti nel tempo del male, che racconta dei salvataggi tra persone di etnia e religione diversa durante la pulizia etnica nella ex Jugoslavia. Il dramma a primavera prossima diventerà un documentario, di cui presentiamo il trailer. 

Questo spettacolo fa conoscere al pubblico italiano gli orrori di Srebrenica, il drammatico assedio di Sarajevo e molte altre pagine in cui, nonostante l'odio e sfidando le autorità nazionaliste, cristiani, musulmani e ortodossi non si sono arresi, si sono dati una mano a vicenda o hanno pregato assieme contro gli abissi della guerra. 


Il giornale online Linkiesta ha intervistato gli autori chiedendo loro ad esempio: "In un conflitto creato dalla politica e condotto dagli eserciti, quanto contarono le persone?". La risposta è stata: 
Moltissimo. La nostra scelta è sempre fondamentale, siamo più potenti di quello che crediamo. Tante volte diciamo: "C'è la guerra, c'è la crisi, come posso cambiare le cose da solo?", oppure "Non posso farci niente se la gente muore di fame, se ascolto parole razziste, se alcuni paesi violano i diritti umani più basilari". Il problema non è che non possiamo, è che non vogliamo. La decisione è nostra, spetta a noi fare qualcosa. È un invito alla responsabilità personale, un'esaltazione dell'importanza del coraggio civile.




28 novembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

La pulizia etnica

nella ex-Jugoslavia

La Jugoslavia federale era costituita da sei repubbliche (Serbia, Croazia, Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia) e due regioni autonome unite alla Serbia (Kosovo e Vojvodina). Con la morte di Tito, nel 1980, scoppiano le tensioni politiche che sono all'origine della guerra civile tra le varie repubbliche che componevano lo Stato federale.
Nel periodo che va dal 1990 al 1999, con un precedente nel 1989, quando la Serbia si oppone all'autonomia del Kosovo, le parti in guerra utilizzano a più riprese la pulizia etnica per prevalere.

leggi tutto

Il libro

I Balcani

Gorge Prevelakis

Multimedia

Dopo Srebrenica

La storia della città simbolo della pulizia etnica in Bosnia

La storia

Gli "uomini buoni" di Bosnia

protagonisti del libro di Svetlana Broz