English version | Cerca nel sito:

Shoah e nazismo

Quando il passato ricorda il presente

Le celebrazioni a Malta della Giornata della Memoria sono l'occasione per ascoltare la toccante testimonianza di Sami Modiano, ebreo di Rodi sopravvissuto ad Auschwitz, e conoscere da vicino il lavoro di MOAS, l'organizzazione creata da Regina e Christopher Catrambone impegnata nel soccorso ai migranti. 


I nostri angeli custodi musulmani

Il sito americano I am Your Protector. org è una miniera di storie antiche e nuove sui migranti, e in particolare i musulmani, che hanno condiviso con gli occidentali l'impegno a rendere questo mondo un posto migliore. Proponiamo a storia di Noor Inayat Khan, una principessa sufi che ha dato la vita per la lotta contro il nazismo.


"Un presidente che ci condanna alla mediocrità"

Samuel Heilman racconta su Haaretz di quando, tanti anni fa, sbarcò in America dopo che la sua famiglia era scampata alla Shoah in Germania. Da allora, migliaia di migranti hanno costruito il successo degli USA, e bloccare le frontiere come sta facendo Donald J. Trump può solo consegnare questo grande Paese alla mediocrità


L'imam francese (non ancora?) Giusto

Abdelkader Mesli, immigrato in Francia dall'Algeria in piena occupazione tedesca, con l'imam Benghabrit della Grande Moschea di Parigi cercò di salvare i perseguitati ebrei. Dai sotterranei della Moschea passarono 1.700 israeliti alla ricerca disperata di un'ancora di salvezza, secondo un libro e un film ricordati dal Manifesto


Costretti a uccidere per evitare uccisioni

Giustamente si è usi ricordare soprattutto ai più giovani che le guerre mondiali hanno mietuto milioni di vittime innocenti. Un altro aspetto doloroso di queste guerre è stato tuttavia che troppi esseri umani si sono trovati "necessitati" a uccidere. È quello che è successo alla Giusta Marion Pritchard...


"La legge sulle restituzioni dei beni agli ebrei fissa termini impossibili"

Il quotidiano israeliano Haaretz spiega in un articolo il funzionamento della nuova legge polacca sulla restituzione agli ebrei dei beni loro sottratti illegittimamente durante la Shoah o nazionalizzati successivamente e le polemiche a essa connesse.


Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Multimedia

Anna Frank alla finestra

l'unico filmato esistente della ragazzina olandese, 22 luglio 1941

La storia

Marek Edelman

Vicecomandante dell'insurrezione nel ghetto di Varsavia e militante di Solidarnosc