Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Shoah e nazismo

Yad Vashem e i salvatori ebrei di altri ebrei

Mordecai Paldiel, membro del Dipartimento dei Giusti di Yad Vashem dal 1982 al 2007, chiede di onorare a Gerusalemme anche i "Giusti ebrei", e in particolare quegli ebrei che nella Shoah agirono da "attivisti del salvataggio", creando reti con i salvatori non ebrei e mettendo al sicuro decine, centinaia o anche migliaia di persone


Lo storico Tomasz Gross rischia il processo

Lo storico Tomasz Gross, che si è occupato a fondo del pogrom di Jedbawne nel quale diverse centinaia di ebrei furono uccisi dai vicini "polacchi etnici", rischia di andare a processo per l'esito dei suoi studi, secondo cui i polacchi, pur meritandosi di andare fieri della resistenza opposta al nazismo, uccisero "più ebrei che tedeschi".


Storie di soccorso e Resistenza

Un filosofo italiano, con un nome tedesco e un'importante carriera tra Francia, Germania e Stati Uniti, Dietrich von Hildebrand, conosce un politico francese, Edmond Michelet, che lo salva dalla persecuzione nazista aiutandolo a raggiungere il Portogallo e da lì gli USA. 


Un albero per Etty Hillesum

Etty Hillesum sarà onorata durante la cerimonia per il prossimo 6 Marzo al Giardino dei Giusti di Milano. Una donna che, pur nel ruolo di vittima, ha sempre cercato di testimoniare continuamente il dialogo e la pericolosità dell'odio, anche verso i tedeschi. Dal campo di Westerbork ha trasmesso incessantemente amore e attenzione per il prossimo: ecco perché merita il titolo di Giusta.


Il treno di Magdeburgo

Un libro del docente di Storia americano Matt Rozell svela ciò che c'è dietro una celebre foto della Shoah, quella con un gruppo di donne davanti a due vagoni tedeschi fermi. Una storia di eroismo ebraico. 


Un umile "eroe" dei tempi dell'Olocausto

Adolfo Kaminsky, quando Parigi fu occupata dai tedeschi, aveva 18 anni. A 19 aveva già salvato migliaia di persone, tra cui molti bambini. "Se dormivo un'ora molta gente moriva", racconta al New York Times oggi che ha 91 anni. "Per questo continuavo a lavorare disperatamente a tutte le ore". 


Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Multimedia

L'Olocausto in Ungheria

interpretazione delle cause di Randolph L. Braham (eng)

La storia

Irena Sendler

Infermiera polacca, salvò circa 2.500 bambini ebrei