English version | Cerca nel sito:

Shoah e nazismo

Nuovi documenti sugli ebrei di Salonicco

Salonicco, 1943. Le SS sono giunte in città per annientare la comunità ebraica locale. I Consoli Guelfo Zamboni e Giuseppe Castruccio e il Capitano Lucillo Merci decidono di salvarli. Vi presentiamo alcuni documenti originali, grazie alla gentile concessione di Antonio Crescenzi dell’Istituto Italiano di Cultura di Atene e all’aiuto di Nadia Negri e Pierfrancesco Pizzini, nipoti di Lucillo Merci.


L'ultimo nero sopravvissuto ai campi di lavoro nazisti

Definito dai nazionalsocialisti "senza patria di tipo negroide", Theodor Michael Wonja, di madre tedesca e padre camerunense, è oggi l'unico sopravvissuto dei neri che subirono la violenza hitleriana dovuta alle teorie naziste sulla presunta superiorità della "razza ariana". Il giornale francese Le Monde l'ha intervistato il 13 maggio 2018


L’America e l’Olocausto

Il Museo dell’Olocausto di Washington ha dato vita a un’importante mostra su un tema complesso e disturbante, il rapporto del popolo americano con il genocidio perpetrato dai nazisti: che cosa hanno fatto, cosa sapevano, cosa avrebbero potuto. Si chiama Americans and the Holocaust e racconta di motivi, consapevolezze e paure.


I dilemmi della memoria

Esiste un grande dilemma per chi è sopravvissuto ad un genocidio. Deve rivolgersi esclusivamente al passato e assumersi una responsabilità, o deve rivolgere lo sguardo al presente per impedire che un nuovo genocidio si ripeta? Deve fare rivivere con la memoria le vittime nel tempo presente, o deve impegnarsi per salvare ed aiutare chi rischia di soccombere oggi? 


Un sogno realizzato

Petr Ginz era un ragazzo ebreo di appena 16 anni che, prima di morire ad Auschwitz, consegnò al mondo disegni e scritti di grande speranza, tra cui l'immagine della luna, che avrebbe voluto esplorare se avesse potuto continuare la sua giovane vita. Oggi, grazie all'astronauta americano Andrew Feustel, il suo sogno è diventato realtà.


Le leggi razziali a Milano

Sono trascorsi 80 anni dalle leggi razziali. Nel 2017 è stato approvato un Ordine del giorno per promuovere la ricerca negli archivi del Comune di Milano dei nomi di quanti furono espulsi da quest’istituzione perché di origine ebraica. Da tale studio è emerso che almeno 15 dipendenti furono licenziati e 4 di loro deportati ad Auschwitz (uno morì durante la deportazione). Di Diana De Marchi e Virginia Invernizzi


Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Multimedia

Intervista a Lizzie Doron

"I Giusti, il più alto livello di umanità"

La storia

Angelo e Felicita Ballabio

Coniugi milanesi che nascosero in casa una coppia di ebrei