English version | Cerca nel sito:

Shoah e nazismo

La prova del nazismo che Trump non ha superato

Dopo la tragedia di Charlottesville del 12 agosto, l'autore americano specializzato sull'Olocausto Timothy Snyder esprime in un articolo sul New York Times le sue perplessità rispetto alla reazione del presidente americano Trump, che si è limitato a una generica condanna di ogni tipo di violenza.


Il coraggio di agire

Sempre più spesso l'attuale emergenza migranti viene accostata alla fuga dei perseguitati durante la Seconda guerra mondiale. Se negli anni '40 molti Paesi hanno serrato le porte di fronte a chi fuggiva dal nazismo, c'è stato anche chi ha agito. L'esempio di Aristides de Sousa Mendes, console portoghese a Bordeaux.


La nave giapponese che salvò gli ebrei lituani

Il transatlantico Hikawa Maru si distinse prima, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale come "Regina dei mari", nave per il trasporto dei feriti di guerra e mezzo di trasporto di centinaia di ebrei lituani e tedeschi in fuga dall'Europa dominata dalle croci uncinate, in direzione Yokohama e Seattle.


​Quale battaglia? Sull’utilità e il danno dello “spazio” per la vita

La pubblicazione della prima edizione critica italiana autorizzata del Mein Kampf è stata prevalentemente interpretata sui media come un’opera antipopulistica e “veritiera”. In parte, l’inferenza è corretta. Ma non è del tutto precisa. Di Vincenzo Pinto


Il Kanun

Nella tradizione albanese esiste un codice centenario che si chiama Kanun. Una legge del Kanun spicca tra le altre e fu alla base di un comportamento umano e morale verso gli ebrei albanesi, verso migliaia di profughi dai paesi dei Balcani e più tardi (nel 1943) anche verso migliaia e migliaia di soldati italiani dopo l'invasione tedesca dell'Albania.


"Per questo ho vissuto"

Sami Modiano è nato a Rodi nel 1930 da papà Giacobbe e mamma Diana. Ha una sorella più grande di tre anni, Lucia, e una grande famiglia, la comunità ebraica dell’isola. Dal luglio 1943 per lui inizia l'orrore: il viaggio verso Auschwitz e la vita nel lager nazista, da cui riuscirà a salvarsi.


Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Multimedia

The Third Half - Kino Oko Production, Macedonia

la deportazione degli ebrei macedoni a Treblinka

La storia

Salvatore Corrias

il giovane sardo che fece espatriare in Svizzera centinaia di ebrei