Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

A Berlino il memoriale dell'Olocausto Sinti e Rom

Angela Merkel: "ogni singola morte mi riempie di vergogna"

In lingua romanì si chiama "Porrajmos", che significa devastazione. È l'Olocausto dei rom e dei sinti, che seguirono sorte analoga a quella degli ebrei ed ebbero 500.000 vittime nei lager nazisti. Dopo vent'anni dalla decisione di creare un memoriale per loro a Berlino, finalmente l'inaugurazione. 

Il monumento è una fontana di 12 metri di diametro con al centro una pietra triangolare su cui spunta un fiore, che verrà cambiato ogni giorno. Sorge su un fianco del Bundestag, ex Reichstag. 


La Cancelliera Angela Merkel ha parlato a fianco  del rappresentante del Consiglio centrale dei rom e dei sinti tedeschi Romani Rose e del sopravvissuto rom olandese Soni Weisz, che ad Auschwitz ha perso genitori e fratelli. "Ricordare i perseguitati deve andare di pari passo con l'impegno a proteggere le minoranze", ha dichiarato Merkel. Weisz ha osservato amaramente che da quel genocidio "la nostra società non ha imparato nulla, altrimenti oggi ci si comporterebbe in modo diverso nei nostri confronti". 


Per la Cancelliera tedesca ogni morte avvenuta nel genocidio dei rom e dei sinti "mi riempie di vergogna". I nomadi furono spesso usati dai nazisti come cavie per gli esperimenti scientifici.

25 ottobre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Il libro

Ebrei di Salonicco -1943. I documenti dell'umanità italiana

Jannis Chrisafis, Alessandra Coppola, Antonio Ferrari

Multimedia

The Third Half - Kino Oko Production, Macedonia

la deportazione degli ebrei macedoni a Treblinka

La storia

Leonida Calamida

Il partigiano che rischiò la vita per recapitare i documenti falsi agli ebrei in fuga