Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Il primo veterano nominato Giusto fra le nazioni

onore postumo al Sergente Maggiore Roddie Edmonds

Il sergente maggiore Roddie Edmonds

Il sergente maggiore Roddie Edmonds Yad Vashem Holocaust Memorial

Nativo del Texas, il Sergente Maggiore Roddie Edmonds fu catturato dai nazisti con altri mille soldati americani alla fine del 1944 e rimase prigioniero per 100 giorni. In questo periodo i tedeschi volevano separare i militari ebrei dagli altri commilitoni e inviarli in durissimi campi di lavoro dove le probabilità di sopravvivere erano molto basse. 

Edmonds però tenne unito il gruppo dicendo al nemico, che gli puntava la pistola alla testa: "Qui siamo tutti ebrei". Salvò così 200 persone. Il Presidente di Yad Vashem Avner Shalev ha evidenziato il grande senso di responsabilità del Sergente Maggiore Edmonds, "un esempio per gli altri soldati USA che sono rimasti così uniti contro il male del nazismo". 

La storia è stata ricostruita dal figlio di Edmonds, Chris, che è reverendo, e ha scoperto il gesto del padre solamente pochi anni fa navigando su Internet. Scoprì in particolare che Richard Nixon, al termine del suo mandato presidenziale, aveva comprato casa da tale Lester Tanner, che aveva detto di essere stato salvato durante la guerra da Roddie Edmonds, insieme a decine di altri ebrei. Da lì è partita una ricerca di Tanner che ha poi portato allo svelamento di tutta la vicenda esemplare. 

2 dicembre 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Multimedia

Il mondo arabo e la Shoah

Antonio Ferrari per la rubrica del Corriere "Voci dal Vicino Oriente" di Corriere.it

La storia

Giovanni Barbareschi

il fondatore dell'OSCAR