English version | Cerca nel sito:

La condanna per negazionismo

e l'antisemitismo europeo

Dopo l'approvazione della legge contro il negazionismo nel 2010, in Ungheria è stata inflitta la prima condanna per tale reato. Gyorgy Nagy, colpevole di aver esposto durante una manifestazione uno striscione che recitava "la Shoah non è avvenuta", ha ricevuto una pena commutata a 18 mesi di carcere e alla visita del campo di sterminio di Auschwitz (o in alternativa il memoriale della Shoah di Yad Vashem o il Museo dell'Olocausto di Budapest).

La negazione del genocidio nazista è stata dichiarata reato punibile fino a tre anni di carcere nel febbraio 2010, in maniera equivalente alla negazione dei crimini commessi dal regime ungherese durante l'era comunista.


L'antisemitismo, e di conseguenza il negazionismo, sono fenomeni in crescita in Ungheria. Il governo di Viktor Orban è stato più volte accusato di essere tollerante con gli antisemiti, che negli anni passati hanno riabilitato diversi scrittori filonazisti, tanto da portare il Premio Nobel per la Pace Elie Wiesel, sopravvissuto all'Olocausto, a restituire la massima onoreficenza dello Stato ungherese consegnatagli in passato. Nei mesi scorsi inoltre un deputato dell'estrema destra aveva proposto la compilazione di liste degli ebrei ungheresi, compresi quelli presenti nel governo e nel Parlamento, perché considerati "un rischio per la sicurezza nazionale". 


Il fenomeno non è isolato in Europa. Basti pensare al dilagare del movimento neonazista Alba Dorata in Grecia, i cui deputati hanno riletto brani dei Protocolli dei savi di Sion. O ai recenti episodi di cori antisemiti contro la squadra del Tottenham in trasferta a Roma, agli insulti rivolti a Shlomo Venezia da parte di Stormfront, o alle minacce di violenza nei confronti di una studentessa ebrea a Napoli.


Lo storico Claudio Vercelli, autore del saggio Il negazionismo. Storia di una menzogna (Laterza) riflette su fatto che "fino agli anni '70 i negazionisti erano una nicchia legata all'estrema destra radicale, figure del tutto marginali. Ma poi, con l'affermazione dell'islamismo radicale e di Internet, hanno avuto una nuova visibilità".  Un negazionismo figlio della crisi, secondo Daniele Massimo Regard, presidente dell'Unione giovani ebrei italiani; quando le certezze vengono meno e mancano le speranze per il futuro, è facile veder nascere atteggiamenti estremisti.


Il negazionismo è un reato non solo in Ungheria, ma anche in altri 17 Paesi europei. Primo tra tutti l'Austria, dotato di tale normativa dal 1945. In Italia il 16 ottobre 2012 - in concomitanza con la celebrazione dell'anniversario del rastrellamento del ghetto di Roma - è stato presentato il disegno di legge per introdurre tale reato, punibile fino a tre anni di carcere in caso l'atto si presenti in veste di "comportamento idoneo a turbare l'ordine pubblico".

4 febbraio 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Il libro

Vogliamo ricordare

Lia Levi, Teresa Buongiorno e Eliana Canova

La storia

Andrea Schivo

morto nel lager per aver aiutato gli ebrei