English version | Cerca nel sito:

Onorare la memoria di Papa Giovanni XXIII

conferenza internazionale a Gerusalemme

Il 29 aprile 2013 inizierà nella capitale israeliana l'incontro International Conference – Honoring the memory of Pope John XXIII, the Shoah, the Jews and the State of Israel organizzato dalla International Raoul Wallenberg Foundation, un'organizzazione non governativa attiva in tutto il mondo che promuove l'eredità morale del diplomatico svedese Raoul Wallenberg e di altri "Giusti fra le nazioni" e soccorritori degli ebrei.

Il fondatore della Fondazione Wallenberg Baruch Tenenbaum, che presiederà il gruppo di lavoro dedicato a Roncalli and the Establishment of the State of Israel, ha ricordato sul Jerusalem Post l'importanza di ricordare Papa Giovanni XXIII, che fu tra l'altro il superiore del Cardinale Loris Capovilla, che quest'anno Yad Vashem riconoscerà Giusto a Bergamo.  


"Già negli anni ‘40, quando era delegato apostolico del Vaticano a Istanbul, il Cardinale Roncalli non ha lesinato alcuno sforzo per salvare quanti più ebrei possibili dallo sterminio nazista. e ha fatto di tutto, uscendo anche dal suo ruolo prefissato, per aiutare gli ebrei perseguitati.

Tra le sue azioni più significative c’è stata l’emissione di “certificati d’immigrazione” verso la Palestina attraverso il corriere diplomatico del Vaticano. Roncalli è anche intervenuto apertamente a favore degli ebrei slovacchi e bulgari. E già con questo diremmo che ha fatto abbastanza, “dayenu”.


Il dossier Roncalli depositato a Yad Vashem


A febbraio 2011, l’International Raoul Wallenberg Foundation, una ONG attiva in tutto il mondo di cui ho l’onore di essere il fondatore insieme al defunto parlamentare americano Tom Lantos, ha presentato a Yad Vashem un voluminoso dossier con le prove delle azioni di salvataggio compiute da Roncalli durante la Shoah, con cui abbiamo fortemente raccomandato di farlo riconoscere come Giusto fra le nazioni. La nostra domanda è ancora in sospeso.


Dopo la guerra, in qualità di nunzio apostolico a Parigi, il Cardinal Roncalli ha dato un altro grande contributo al soccorso del popolo ebraico".


Tenenbaum ha anche ricordato che Roncalli si impegnò per ottenere dalle Nazioni Unite l'approvazione del piano di istituzione dello Stato d'Israele, andando oltre il suo ruolo e contrastando la stessa tendenza del Vaticano a sostenere i Paesi latino-americani, che alla fine votarono per il piano di spartizione del 1948 quasi all'unanimità, fatta eccezione per Cuba. 


La lettera di Gariwo


L'associazione Gariwo, la foresta dei Giusti parteciperà ai lavori della Conferenza con un messaggio. Nella lettera, in inglese, abbiamo ripercorso gli atti di soccorso agli ebrei compiuti da Roncalli durante la Shoah e, sottolineando l'importanza per l'Europa di un tale esempio morale, abbiamo espresso l'auspicio che Giovanni XXIII sia onorato durante la prossima Giornata Europea dei Giusti, il 6 marzo 2014, con un albero nei Giardini dei Giusti di Milano e del resto d'Italia.  


Nel box sotto: programma dei lavori, articolo integrale di Tenenbaum e lettera che Gariwo, la foresta dei Giusti, ha inviato alla Conferenza di Gerusalemme (in inglese). 

26 aprile 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Multimedia

Intervento di Paolo Kessisoglu

per il Giorno della Memoria 2015

La storia

Pugliano Vecchio, paese della Romagna

un intero villaggio nascose un gruppo di ebrei