Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

"Palatucci salvò i miei genitori"

la testimonianza di Renata Conforty

Giovanni Palatucci

Giovanni Palatucci

Il dibattito su Giovanni Palatucci è destinato a non esaurirsi, almeno per il momento.
Dopo le polemiche accese dalla ricerca del Centro Primo Levi di New York, giunte anche sulle pagine del New York Times, la discussione si arricchisce della testimonianza della figlia di due ebrei salvati da Palatucci.

"Io so solo una cosa - ha dichiarato Renata Conforty, 71 anni - Palatucci salvò mio padre e mia madre. Che assicurò loro in due occasioni documenti che impedirono il loro internamento nei campi di sterminio".

Dal Corriere della Sera emergono i dettagli dell'incontro della famiglia Conforty con Palatucci, evento già conosciuto dagli storici. Dopo un viaggio da Zagabria a Ogulin - nella zona occupata dagli italiani - Salvator Conforty e Olga Hamburger vennero portati illegalmente a Fiume dal tenente colonnello Antonio Bertone, che voleva salvarli dalle persecuzioni. Qui Bertone li affidò a Palatucci, che non solo fece dormire la coppia nella soffitta della questura, ma fornì loro documenti falsi.

Nel 1942 il commissario di Fiume aiutò per una seconda volta i Conforty. "Ebbero i documenti che li definivano 'internati liberi' - racconta la figlia Renata - e riuscirono a raggiungere l'Italia, vicino Modena, dove portarono anche i nonni".

La testimonianza della donna arriva in un momento molto delicato, in cui sia Yad Vashem che il Vaticano si stanno avviando a rivedere le rispettive pratiche relative al "Giusto" e al "Beato" Giovanni Palatucci.


Il dibattito sulla vicenda è ancora aperto. Dopo l'articolo di Alessandra Farkas sul Corriere della Sera, Gabriele Nissim, Presidente di Gariwo, Matteo Luigi Napolitano, docente dell'Università Marconi di Roma, Natalia Indrimi del Centro Primo Levi di New York, la storica Anna Foa e altre voci autorevoli sono intervenuti nella discussione.

Nel box approfondimenti gli articoli sul caso Palatucci apparsi di recente sulla stampa italiana e internazionale

24 giugno 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Multimedia

Giugno 1942, da Bologna a Stalino

documentario inedito di Enrico Chierici

La storia

Angelo e Caterina Rizzini

Salvarono una donna ebrea e suo figlio nascondendoli in casa