Gariwo: la foresta dei Giusti

English version | Cerca nel sito:

Stragi Guatemala

Al via in Guatemala un processo per stupri di guerra

Due ex gerarchi del regime militare guatemalteco, Francisco Reyes Giron e Heriberto Valdez Asij, sono alla sbarra per abusi contro le donne indigene commessi negli anni '80. "Abbiamo compiuto un passo certo verso la giustizia", ha dichiarato Paula Barrio del gruppo Mujeres transformando el mundo


In Guatemala non fu genocidio

Il Parlamento del Guatemala ha approvato una risoluzione che nega ogni tentativo di commettere un genocidio durante i 36 anni di guerra civile. I familiari delle vittime temono ripercussioni sui processi ai responsabili.


Annullata la condanna a Rios Montt

La Corte Costituzionale guatemalteca ha stabilito che un conflitto di attribuzione tra due giudici rende nulla la sentenza del 10 maggio contro l'ex dittatore accusato di genocidio e crimini contro l'umanità.  


Guatemala, 80 anni a Rios Montt

La giudice guatemalteca Jazmin Barrios ha condannato l'ex dittatore a 50 anni per genocidio e a 30 per la commissione di altre gravi violazioni dei diritti umani.


La parola alle vittime del genocidio in Guatemala

Si è aperto il processo contro Efrain Rios Montt, ex dittatore del Guatemala accusato di aver deliberatamente sterminato, tra il 1982 e il 1983, la popolazione indigena dell'etina Ixil. Toccanti le testimonianze dei superstiti, che raccontano le violenze a cui hanno assistito. 


Condanna a 6060 anni di carcere

Pena simbolica all'ex militare Pedro Pimentel  per aver partecipato al massacro di Dos Erres, in Guatemala.


Le stragi in Guatemala

della popolazione Maya

Come nel resto dell'America Latina, il modello economico-sociale prevalente in Guatemala dopo la conquista dell'indipendenza dalla Spagna nel 1821, fu quello del dominio della minoranza bianca, ricca e privilegiata, sulla maggioranza della popolazione autoctona o meticcia costretta alla povertà e priva di diritti. Nel 1954 un golpe militare pose fine a un tentativo di riforma agraria che rischiava di compromettere i tradizionali equilibri economici e di potere. Seguirono anni di potreste popolari, sia democratiche che di guerriglia. Fra il 1960 e il 1996 imperversò una guerra civile nel corso della quale si scontrarono gli interessi delle classi agiate urbane discendenti dai colonizzatori e quelli dei ceti più poveri e dei campesiños di etnia maya sparsi nei villaggi delle zone rurali del Paese.
L'apice della violenza fu raggiunto fra il 1978 e il 1983. In quell'arco di tempo l'esercito sterminò intere comunità maya nei villaggi più remoti e più poveri della regione centro-occidentale. 

leggi tutto

La storia

Norma Cruz

l'ex guerrigliera paladina dei diritti delle donne