English version | Cerca nel sito:

Totalitarismi

La felicità di Vaclav Havel per il Nobel a Liu Xiaobo

Editoriale di Gabriele Nissim, Presidente Gariwo - la foresta dei Giusti

C’è oggi una persona particolarmente felice per il premio Nobel a Liu Xiaobo. È Vaclav Havel che a trent’anni dalla nascita del movimento di Carta ‘77 ha visto come la sua esperienza di resistenza al totalitarismo ha acquisito un


“Stalingrado è la catastrofe del male”

Un appunto manoscritto e firmato dallo scrittore è stato ritrovato dallo studioso Pietro Tosco che lo pubblica sulla rivista "La Nuova Europa" con un'ampia analisi del testo.
Nel documento una riflessione amara sulla vittoria di Stalingrado che evidenzia un parallelismo tra questa battaglia e la Shoah.


21 anni da piazza Tienanmen

L'Amministrazione USA ricorda i fatti del 1989 e lancia un appello a favore dei dissidenti ancora detenuti, ma Pechino vieta ogni commemorazione. Censurato un fumetto che ricorda la repressione, arrestati i giovani che hanno portato in piazza la "dea della democrazia".


“Signore e signori, il 4 giugno 1989 in Polonia è finito il comunismo”

Editoriale di Annalia Guglielmi, collaboratrice di Gariwo ed esperta di Europa dell'Est

Le immagini della caduta del Muro di Berlino il 9 novembre 1989, e della folla festante che correva lungo il viale degli Under Linden, che tutti abbiamo seguito con emozione alla televisione, sono rimaste nella memoria europea come l’


I Giusti, il totalitarismo e la coscienza europea

Incontro che chiude il primo Concorso nazionale organizzato dal Liceo scientifico Fermi per l'Accordo di Rete "Storia e Memoria" in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione.


Katyn

Editoriale di Annalia Guglielmi, collaboratrice di Gariwo ed esperta di Europa dell'Est

Sabato 10 aprile 2010. Katyn, un nome che ha per la Polonia il sapore della maledizione. Per molti era un momento atteso da tutta la vita: per la prima volta un presidente polacco poteva recarsi in visita ufficiale nel bosco di Katyn per


Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Il libro

Lenin, Stalin, Togliatti

Giancarlo Lehner, Francesco Bigazzi

La storia

Natalia Gorbanevskaya

in URSS denunciò l'invasione della Cecoslovacchia