English version | Cerca nel sito:

Aung San Suu Kyi in corsa per le presidenziali

ma ha di fronte la sfida del consenso interno

Migliaia di sostenitori hanno circondato la leader della Lega nazionale per la Democrazia mentre si registrava per potersi candidare parlamentare nel collegio di Kawhmu, un'area del Myanmar gravemente colpita dal ciclone Nargis nel 2008. Questa elezione parziale secondo gli osservatori è un banco di prova per le prossime elezioni politiche, che potrebbero tenersi nel 2015 se il regime manterrà le sue promesse di democratizzazione. 



La giunta nel 2010 aveva già tenuto le prime elezioni degli ultimi 20 anni, ma il partito di Suu Kyi le aveva boicottate perché alla luce del comportamento del governo le giudicava una farsa. Ora però è da tempo che si segnalano significativi progressi, tra cui anche il rilascio di numerosi detenuti politici e l'annuncio della riapertura delle relazioni diplomatiche con Washington. Inoltre Rangoon ha firmato un cessate il fuoco con i ribelli Karen.


Ora Aung San Suu Kyi, che ha condotto un'esemplare battaglia non-violenta contro i militari al potere responsabili dell'omicidio di suo padre oltre che della mancanza di democrazia in Birmania, si trova davanti a una sfida importante: guidare i militanti sempre più impazienti a mano a mano che la giunta annuncia nuove concessioni.  


19 gennaio 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

Urla del silenzio

di Roland Joffé (1984)

La storia

István Bibó

dissidente rivoluzione ungherese del 1956