English version | Cerca nel sito:

"Dalla liberazione alla libertà"

mostra fotografica al Centro Ceco di Milano

Martedì 14 gennaio 2014, ore 19.00, al Centro Ceco di Milano (via Morgagni 20), inaugurazione della mostra fotografica "Dalla liberazione alla Libertà".

Fino al 14 febbraio, attraverso i racconti e le immagini di storie vissute, i visitatori potranno ripercorrere 44 anni della storia Boema, dall´arrivo del totalitarismo alla Primavera di Praga e al sacrificio di Jan Palach, fino alla Rivoluzione di velluto.

Nel 1945, il mondo apprese con sollievo che il conflitto più atroce di tutti i tempi era finito. Non fu diverso in Cecoslovacchia, anche se pochi avevano capito che il regime totalitario del Terzo Reich tedesco stava per essere rimpiazzato da un'altra forma di totalitarismo, introdotta dall‘Armata Rossa e dalla polizia segreta sovietica. I comunisti cecoslovacchi prima espulsero tre milioni di abitanti tedeschi, poi misero al bando i partiti politici non socialisti.

Negli anni sessanta sembrava che il blocco sovietico si muovesse in direzione di una sorta di "détente" politica. Così nei primi mesi del 1968 iniziò in Cecoslovacchia il processo di rinascita basato sull'idea errata che, attraverso riforme moderate, un regime dai metodi brutali potesse essere democratizzato e umanizzato. Nella notte del 21 agosto 1968, le forze armate dell'Unione Sovietica e di altri paesi del Patto di Varsavia invasero il Paese per porre fine a questo processo. Iniziò il cosiddetto periodo di normalizzazione, in cui opportunisti e collaborazionisti riuscirono a imporre un regime non sanguinario quanto quello degli anni ’50, ma moralmente assai peggiore. Jan Palach, Jan Zajíc e Evžen Plocek si immolarono per protestare contro questa “normalizzazione”. Il loro sacrificio non produsse frutti per due decenni.

Si dovette attendere fino al 1987-1989 per vedere la resistenza contro il regime, sempre meno occulta, imporsi nelle strade e assumere la forma di attacchi illegali, spesso dispersi con l’uso della forza. La Rivoluzione di velluto nel 1989 mise fine a questo regime portando a termine il processo di liberazione dal totalitarismo comunista.

L'invito all'inaugurazione della mostra nel box approfondimenti

13 gennaio 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

La Cina vista da Joyce Rohrmoser

istantanee da un Paese in crescita

La storia

Teng Biao

avvocato cinese, attivista per i diritti umani