English version | Cerca nel sito:

Dissidente di Hong Kong rinnegato da amici e colleghi

dopo aver denunciato gli abusi della polizia cinese

Volti di politici cinesi sulle copertine dei best-seller popolari a Hong Kong

Volti di politici cinesi sulle copertine dei best-seller popolari a Hong Kong Kin Cheung/The Associated Press

Lam Wing-kee a Hong Kong è considerato da molti un eroe. Di mestiere fa il libraio, di quelli che vendono un genere molto apprezzato nella Regione a Statuto Autonomo: libri dove si espongono, a volte in modo più fantasioso, a volte meno, gli scandali e i retroscena della politica di Pechino.

Queste pubblicazioni non solo sono legali, ma sono anche dei best-seller a Hong Kong. Eppure nella capitale cinese qualcuno si sente minacciato. Cinque colleghi di Lam sono stati già fatti sparire dalle autorità: prelevati, portati sulla "Madrepatria" e rinchiusi nelle carceri

Quando è stato il turno di Lam, la sua scelta è stata di testimoniare le torture subite e la confessione forzata che i poliziotti hanno estorto da lui: "Sono stato in piedi due notti per decidere se raccontare il mio calvario, e alla fine ho deciso di farlo perché sono quello meno esposto tra i miei colleghi e posso aiutare gli altri".

Peccato che il suo entourage non sia d'accordo. Amici, colleghi e fidanzata si sono affrettati a smentire le sue dichiarazioni, come spesso accade nei regimi comunisti. La compagna, che si è presentata solo con il cognome Hu, ha perfino dichiarato a un giornale filo-Pechino: "Quel maledetto Lam non è un uomo", smentendo anche che gli sia stata negata l'assistenza legale

Sebbene decine di migliaia di persone siano scese in piazza a Hong Kong per protestare contro i maltrattamenti compiuti contro di lui, Lam ora si sente molto solo e ha dichiarato di avere pensato più volte al suicidio.

23 giugno 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

Aleksandr Solženicyn, mio padre

un ricordo del grande scrittore russo

La storia

Wladyslaw Bartoszewski

una grande figura morale di resistenza ai totalitarismi