English version | Cerca nel sito:

In Russia le più grandi proteste degli ultimi 20 anni

per i brogli post-elettorali

Migliaia di persone sono scese in piazza nel fine settimana per manifestare contro le elezioni della Duma, il parlamento russo, dando vita alla più grande manifestazione dal crollo dell'Unione Sovietica.

Solamente a Mosca si sarebbero radunate 25 mila persone. La piazza Rossa è stata blindata dalle forze dell'ordine, i manifestanti si sono ritrovati vicino al Cremlino, in piazza Balornaja.


Le persone che protestano vorrebbero che i risultati delle consultazioni venissero dichiarati non validi e che si dimettesse il presidente della Commissione Elettorale. 


I manifestanti hanno cercato di documentare i cortei attraverso i social network ma hanno denunciato che la connessione ad internet dai cellulari era particolarmente  lenta. Gli oppositori sospettano che si tratti di un'azione governativa per zittire il dissenso, il Governo replica che l'utilizzo della rete era difficoltoso solo a causa dell'elevato numero di persone presenti in strada.


Il sabotaggio di Twitter 


Secondo gli oppositori negli scorsi giorni il popolare social network è stato sabotato: migliaia di account inattivi da mesi hanno pubblicato diversi messaggi favorevoli al governo in modo da rendere illeggibili le conversazioni che ospitavano le critiche alle elezioni.

12 dicembre 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

La Cina vista da Joyce Rohrmoser

istantanee da un Paese in crescita

La storia

Miklos Duray

scrittore diritti delle minoranze