English version | Cerca nel sito:

Katyn: Roosevelt coprì i russi?

dagli archivi USA mille pagine di nuovi documenti

Nell'aprile 1940 a Katyn, ai confini tra Polonia e Russia, le forze di sicurezza sovietiche uccisero 22.000 tra ufficiali e intellettuali polacchi in un tentativo di eliminare l'élite del Paese occupato contemporaneamente dall'URSS e dai nazisti. 

Per lungo tempo della strage furono incolpati i tedeschi, ma fin dal 1951 la Commissione d'inchiesta Madden, dal nome del Senatore americano che la presiedeva, aveva stabilito che le responsabilità erano sovietiche. Forse, concludeva la Commissione, gli USA avrebbero potuto agire più risolutamente contro il totalitarismo comunista se l'opinione pubblica fosse stata informata in maniera più completa. 


Oggi la posizione dell'America è rimessa in discussione dalla desecretazione di oltre mille pagine degli US National Archives. Sui giornali si leggono già le prime rivelazioni: La Stampa ventila l'ipotesi che i sovietici abbiano massacrato l'élite polacca "con il beneplacito" di Roosevelt, mentre ADN Kronos si limita a scrivere che il Presidente americano nascose le responsabilità russe ex post, per non ostacolare la lotta contro Hitler. 


Nei prossimi mesi si spera che un'accurata analisi della documentazione d'archivio porti a chiarire una delle pagine più dolorose della storia del Ventesimo secolo.  


A Katyn è dedicato il film di Andrej Wajda di cui proponiamo il trailer. 


12 settembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

Urla del silenzio

di Roland Joffé (1984)

La storia

Zeng Jinyan

cyber attivista dei diritti umani