English version | Cerca nel sito:

L'Europa riconosce i crimini del comunismo

e ricorda le vittime vent'anni dopo la caduta del Muro

Monumento alle vittime del comunismo, Praga (foto Wikicommons)

Monumento alle vittime del comunismo, Praga (foto Wikicommons)

Strasburgo, Parlamento Europeo, ore 18.30
Udienza pubblica con la Presidenza ceca dell'Unione Europea.

Riflessione sulla memoria del comunismo in Europa sulla base della "Dichiarazione di Praga" del 3 giugno 2008, firmata tra gli altri dal Presidente emerito della Repubblica Ceca Vaclav Havel



Programma
Prima parte: La nostra storia comune: una piattaforma comune europea
Moderatore: Tunne Kelam, MEP, Estonia
• Pavel Zacek, Istituto per lo Studio dei Regimi Totalitari, Repubblica Ceca
• Emmanuel Crabit, Commissione Europea, DG JFS
• Emanuelis Zingeris, Commissione Internazionale per la Valutazione dei crimini delle occupazioni nazista e sovietica in Lituania, Lituania
• Marius Oprea, Istituto per l'investigazione sui crimini comunisti, Romania
• Hans Altendorf, Ufficio del Commissario Federale (BStU), Germania
• Vasil Kadrinov, Centro Hannah Arendt, Bulgaria
• Nicolas Werth, Istituto di Storia contemporanea, CNRS, Francia
• Camilla Andersson, Istituto per le informazioni sui crimini del comunismo, Svezia

Tavola rotonda con: Alain Blum (FR), Maciej Korkuc; (PL), Miklós Kun, Agnes Gereben e Maria Schmidt (HU), Toomas Hiio (EE), Dainius Zalimas (LT), Vladimir Tismaneanu (RO), Ivaylo Znepolski e Sezgin Myumyun (BG) e molti altri

Seconda parte
Come si può riconciliare l'Europa con il suo retaggio totalitario?
Moderatore: Jana Hybaskova, MEP, Repubblica Ceca
• Alexandr Vondra, Ministro delegato agli Affari europei, Repubblica Ceca
• Jan Figel, Commissario Europeo, DG EAC
• Alejo Vidal-Quadras, MEP, Vicepresidente del Parlamento Europeo, Spagna
• Jan Zahradil, MEP, Repubblica Ceca
• Laszlo Tokes, MEP, Romania
• Sandra Kalniete, ex Commissario Europeo, Lettonia

Tavola rotonda con: Vytautas Landsbergis (MEP, LT), Jozsef Szajer (MEP, HU), Nickolay Mladenov (MEP, BG), Gyorgi Schoepflin (MEP, HU), Girts Valdis Kristovskis (MEP, LV), Peter Stastny (MEP, SK), Latchezar Toshev (MP, BG), Martin Mejstrik (ex Senatore, CZ) e molti altri

Aggiornamento
Il Parlamento europeo ha approvato la dichiarazione sui riconoscimento dei crimini del totalitarismo comunista e sulla memoria delle vittime, sulla base della "Dichiarazione di Praga".

3 aprile 2009

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

Katyn

di Andrzej Wajda (2007)

La storia

Vaclav Benda

portavoce di "Charta 77"