English version | Cerca nel sito:

L'ultima Rosa Bianca

la storia di Liselotte Furst-Ramdhor

In Germania sono celebrati come eroi nazionali. Ma i giovani della Rosa Bianca, membri di un movimento di resistenza nella Germania nazista, sono stati arrestati e uccisi dalla Gestapo negli anni '40.

La BCC segnala la storia di Liselotte Furst-Ramdhor, che quando entrò a far parte della Rosa Bianca era la vedova 29enne di un soldato morto sul fronte russo. Oggi Liselotte ha 99 anni e ricorda il suo passato.

La donna si è avvicinata al gruppo grazie a un amico, Alexander Schmorell, che insieme ad altri due giovani, Hans Scholl e Christoph Probst, aveva iniziato una campagna di "resistenza passiva" al regime di Hitler. I tre ragazzi stampavano volantini da distribuire porta a porta a indirizzi scelti casualmente dall'elenco telefonico, da spedire a intellettuali e professori, da lasciare in locali pubblici e da gettare dai tram nella notte, per incoraggiare la popolazione tedesca a unirsi al movimento.

Liselotte nascondeva i volantini nella credenza di casa sua e aiutava Schmorell a disegnare i modelli per le scritte "Abbasso Hitler", che vennero apposte sui muri di Berlino nelle notti del febbraio 1943. Molto vicina a Sophie Scholl, sorella di Hans e forse uno dei personaggi più conosciuti della Rosa Bianca, Liselotte ricorda che nonostante la paura - Sophie dormiva nel letto del fratello per sentirsi più tranquilla - "gli Scholl continuavano la loro azione per la Germania, perchè amavano la loro patria".

La fine del gruppo fu dettata dalla morte di Hans e Sophie. Durante la distribuzione dell’ultimo volantino all'Università di Monaco, Sophie salì al secondo piano per lanciare dalla balaustra i fogli e farli cadere sugli studenti che si affollano nell’atrio. Riconosciuta da un inserviente membro del partito nazista, venne arrestata e giustiziata insieme a Probst e al fratello Hans, le cui ultime parole prima di morire furono: "Lunga vita alla libertà!".

Stessa sorte, poco dopo, toccherà agli altri membri della Rosa Bianca. Liselotte viene arrestata e portata in un carcere della Gestapo, ma viene rilasciata per "un colpo di fortuna - come ha dichiarato la donna - perchè i militari speravano che li avrei condotti dagli altri miei compagni. Mi hanno seguita per diverso tempo dopo il mio rilascio".

Dopo la guerra, i membri della Rosa Bianca sono stati celebrati come eroi. Alexander Schmorell è diventato un santo della Chiesa ortodossa russa nel 2012. "Avrebbe riso a crepapelle se l'avesse saputo - ha commentato Liselotte - Alexander non era un santo, era solo una persona normale che faceva cose speciali".

22 febbraio 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Il libro

La morte rossa

Dario Fertilio

La storia

Zeng Jinyan

cyber attivista dei diritti umani