English version | Cerca nel sito:

Le prime scuse di una Guardia Rossa

pubblicate da una rivista cinese

Il 13 aprile Liu Boqin, un'ex Guardia Rossa della regione dello Shandong aveva scritto sul sito di una rivista: "Ero giovane e ignorante all'epoca della Rivoluzione Culturale, fui indottrinato da alcune persone e ne ho ferite delle altre. In questi anni ho presentato le mie scuse presso alcune centinaia di loro e ho ottenuto la loro comprensione, ma non sono riuscito a contattare tutti e alcuni sono morti. Desidero pubblicare un annuncio per scusarmi anche con loro e con le loro famiglie, a redenzione delle mie colpe passate". 
Liu si riferisce agli anni '66-'69, quando Mao Zedong, che stava perdendo le forze fisiche e morali, scatenò un'ondata di violenze interrotta solo dall'invio dell'esercito. La Cina era sprofondata in uno stato di quasi guerra civile nel quale furono perseguitati milioni di persone per il ceto sociale, il livello culturale o la semplice lontananza dalla vita politica. 

La rivista Yanhuangchunqiu, edita da ex membri del Partito e intellettuali riformisti, ha pubblicato l'intervento intitolandolo "Le scuse solenni". L'ex Guardia Rossa ha spiegato di essersi reso responsabile del saccheggio delle case di due compagni e della persecuzione di svariati professori e delle loro famiglie. "Invecchiando", spiega, "ho affrontato una riflessione dolorosa. Anche se ero stato trascinato dalla Rivoluzione culturale, ho una responsabilità individuale per il male che ho fatto e non la posso negare", ha scritto prima di presentare le sue scuse

Il 18 giugno Liu ha fornito maggiori dettagli sulla sua passata condotta sul Nanfang Dushibao, un giornale "liberal". Subito si sono scatenate le reazioni degli utenti Internet. Lo specialista di questioni culturali cinesi Zhu Dake ha commentato: "In un Paese in cui non c'è una tradizione di pentimento, questa lettera può essere interpretata come un atto di risveglio dell'umanità". L'intellettuale Wu Zuolai ha scritto: "Queste scuse hanno un valore storico, dimostrano che l'umanità può vincere il male". L'attore e scrittore Le Jia ha scritto che queste parole "hanno un valore enorme per chiunque abbia una coscienza". Non sono mancate richieste di scuse anche ai responsabili di ingiustizie sociali e collusioni mafiose. 

19 giugno 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Il libro

Il disonore russo

Anna Politkovskaja

Multimedia

La Cina vista da Joyce Rohrmoser

istantanee da un Paese in crescita

La storia

Jan Chryzostom Korec

Vescovo della Chiesa clandestina