English version | Cerca nel sito:

Liu Xiaobo rifiuta l'offerta della Cina

scarcerazione in cambio di una "confessione"

Liui Xiaobo ha detto no alla libertà. A una settimana dalla consegna del Nobel il dissidente, condannato a 11 anni di carcere, ha rifiutato l'offerta del regime: la liberazione e l'espulsione dal Paese in cambio di una confessione.

Lo rivela il suo avvocato: "Liu Xiaobo accetterà solo il rilascio senza condizioni", afferma Shang Baojun. Il rifiuto fa salire la tensione attorno alla premiazione. A Oslo per la prima volta verrà lasciata una sedia vuota in rappresentanza del dissidente, incarcerato a 5 mila kilometri di distanza. 

La polizia cinese non ha permesso all'artista Ai Wei Wei e all'economista Mao Yushi di lasciare il Paese, probabilmente per impedire il ritiro del Nobel. I due hanno sottoscritto il documento Charta '08 promosso da Liu Xiaobo.

4 dicembre 2010

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

Aleksandr Solženicyn, mio padre

un ricordo del grande scrittore russo

La storia

Vassili Nesterenko

Fisico nucleare dissidente sovietico