English version | Cerca nel sito:

Oleg Kashin a confronto con gli inquirenti

racconta la sua aggressione

Aggiornamento 15 dicembre

Oleg Kashin è uscito dal coma e ha fornito agli inquirenti un primo resoconto dell'aggressione. Kashin conferma che è stato picchiato a causa delle sue inchieste sulle proteste per l'abbattimento della foresta di Khimki. Il New York Times ha reso noto che le autorità russe hanno deciso: la foresta farà spazio all'autostrada Mosca - San Pietroburgo. 

9 novembre
Aggrediti due giornalisti in Russia
Oleg Kashin e Anatoly Adamchuk

In pochi giorni due giornalisti russi sono stati aggrediti. Si tratta di Oleg Kashin e Anatoly Adamchuk.

Oleg Kashin, di 30 anni, lavora per il quotidiano indipendente Kommersant, è stato vittima di una violento pestaggio il 6 novembre scorso che lo ha ridotto in coma farmacologico. All’ospedale è arrivato con una mandibola rotta, fratture multiple alle due tibie, ferite alla testa e le dita spezzate. Su YouTube un video mostra le immagini del pestaggio con i due aggressori che lo colpiscono alle spalle e non smettono di picchiarlo nemmeno quando lui è a terra. Oleg Kashin si stava occupando dell'arresto di alcuni studenti che protestavano contro l'abbattimento della foresta di Khimki.

Anche il secondo giornalista picchiato seguiva questo tema. L'8 novembre Anatoly Adamchuk, del settimanale Zhukovskiye Vesti è stato aggredito mentre stava entrando in redazione a Zhukovsky, nella regione di Mosca,. Adamchuk è stato ripetutamente colpito alla testa e al volto, riportando un trauma cranico e contusioni multiple. 

Il Governo ha sospeso i lavori per l'autostrada e ha ordinato un'indagine. Quaranta giornalisti hanno indirizzato al Presidente Medvedev una lettera di protesta perché la sicurezza dei reporter venga considerata una priorità e sottolineando che dall'inizio dell'anno 8 giornalisti sono stati uccisi e 40 sono stati aggrediti.

18 novembre 2010

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Multimedia

Urla del silenzio

di Roland Joffé (1984)

La storia

Bärbel Bohley

eroina della resistenza nella Germania dell'Est