English version | Cerca nel sito:

Tribunali penali internazionali

Proscioglimenti in corso

Sconcerto in Ruanda per la sentenza del Tribunale penale internazionale con sede ad Arusha, che ha deciso la scarcerazione di due ex ministri ruandesi accusati di genocidio, Justin Mugenzi Prosper Mugiraneza. Il caso ricorda molto da vicino quello dell'assoluzione dei due generali croati Gotovina e Markac.


Breve è meglio?

L'accusa spesso rivolta ai tribunali penali internazionali è quella di emettere sentenze in tempi troppo dilatati. Song Sang-hyun, Presidente della Corte Penale Internazionale, giustifica questo aspetto con diversi elementi, e ricorda l'importante "effetto di dissuasione" che il lavoro della Corte è riuscito a creare.


La giustizia africana può farcela da sola?

Dopo 22 anni di attesa, il Senegal ha deciso di creare una corte speciale per giudicare l'ex dittatore del Chad Hissene Habre. L'uomo, al potere dal 1982 al 1990, è accusato di aver commesso atrocità di massa e torture sui prigionieri politici. 


Assolto leader congolese accusato del massacro di Bogoro

La Corte Penale Internazionale ha assolto in primo grado Mathieu Ngudjolo Chui, ex leader dei ribelli della Repubblica Democratica del Congo, dall'accusa di crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Mancano infatti le prove della sua diretta responsabilità per il massacro di Bogoro.


Presto nuove accuse di genocidio in Darfur

"Il Sudan dovrà affrontare nuove accuse per crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio in Darfur" ha dichiarato il Procuratore della Corte Penale Internazionale Fatou Bensouda. Gravi crimini vengono ancora commessi nella regione sconvolta dalla guerra civile dal 2002.


Assolto ex leader dell'Uck

L'ex comandante dell'Esercito di Liberazione del Kosovo Ramush Haradinaj "non ha commesso il fatto" secondo la Corte internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia che lo ha processato per crimini di guerra. È il secondo verdetto di non colpevolezza, per la soddisfazione di Pristina e l'inquietudine di Belgrado. 


Tribunali penali internazionali

uno strumento per processare i crimini contro l'Umanità

Già agli inizi del ventesimo secolo le potenze vincitrici della prima guerra mondiale avevano incaricato una “Commissione Alleata” di studiare l’istituzione di una “Corte Internazionale di giustizia penale” per punire i crimini contro le “leggi di umanità”, ma il progetto era fallito, schiacciato dalle superiori esigenze diplomatiche.
La prima esperienza significativa di Tribunale sovranazionale, pur se militare e non civile, è quella della Corte di Norimberga per i crimini commessi dai nazisti, costituita dalle potenze vincitrici della Seconda guerra mondiale. Un analogo tribunale fu istituito per le stesse finalità a Tokyo.

leggi tutto

Multimedia

Il processo Eichmann

le riprese del dibattimento