English version | Cerca nel sito:

Ex ministro del Rwanda condannato all'ergastolo

è tra i principali autori del genocidio

Il tribunale penale internazionale per il Rwanda ha condannato Callixte Nzabonimana, ex Ministro rwandese, all'ergastolo.

L'uomo è stato riconosciuto tra i principali autori del genocidio del rwanda: per i magistrati ha istigato a uccidere i tutsi al Butare trading centre il 12 aprile 1994 e al Cyayi centre  due giorni dopol. L'uomo ha firmato anche due accordi distinti a questo scopo.


Nzabonimana, ora cinquantanovenne, era stato arrestato in Tanzania nel 2008.

4 giugno 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Tribunali penali internazionali

uno strumento per processare i crimini contro l'Umanità

Già agli inizi del ventesimo secolo le potenze vincitrici della prima guerra mondiale avevano incaricato una “Commissione Alleata” di studiare l’istituzione di una “Corte Internazionale di giustizia penale” per punire i crimini contro le “leggi di umanità”, ma il progetto era fallito, schiacciato dalle superiori esigenze diplomatiche.
La prima esperienza significativa di Tribunale sovranazionale, pur se militare e non civile, è quella della Corte di Norimberga per i crimini commessi dai nazisti, costituita dalle potenze vincitrici della Seconda guerra mondiale. Un analogo tribunale fu istituito per le stesse finalità a Tokyo.

leggi tutto

Multimedia

Il processo Eichmann

le riprese del dibattimento