English version | Cerca nel sito:

Popieluszko. Non si può uccidere la speranza

il film sul sacerdote di Solidarnosc presentato in Italia

Il regista Rafal Wieczynski incontra il pubblico italiano per presentare il film Popieluszko. Non si può uccidere la speranza, dedicato alla vita del prete di Solidarnosc.

La collaboratrice del Comitato Foresta dei Giusti Annalia Guglielmi, che ha conosciuto personalmente il religioso e ha curato il volume Popieluszko. Non si può uccidere la speranza, interviene agli appuntamenti del 30 aprile a Castel Bolognese e del 3 maggio a Milano.

Ricordo di Annalia Guglielmi, "Ero a Varsavia quando l'hanno ucciso"


IL FILM
Presentato al Festival internazionale del Cinema di Roma nel 2009, descrive la lotta per la libertà del sacerdote che ha pagato con la vita l'opposizione al regime.
Nell'agosto del 1980 Padre Popieluszko sostiene gli operai in sciopero dei cantieri siderurgici di Varsavia e si avvicina al sindacato clandestino Solidarnosc. A Varsavia dà vita alle Messe per la Patria a cui partecipano migliaia di fedeli. In un'omelia sottolinea "l'inalienabile dignità dell'uomo" e questa frase è citata dal regime come prova a suo carico. Padre Popieluszko non si lascia intimorire dalle minacce e il 19 ottobre 1984 viene rapito e ucciso dai servizi segreti polacchi. Il 6 giugno prossimo sarà beatificato a Varsavia.
La pellicola ha avuto problemi di distribuzione e, come per il fim Katyn, sono state delle associazioni a organizzare il calendario di proiezioni.

recensione film
video sulla vita e sull'assassinio del religioso
recensione libro Popieluszko. Non si può uccidere la speranza, a cura di Annalia Guglielmi, Itaca, Castel Bolognese, 2010


Pescara, 26 aprile: incontro con il regista e la produttrice Julita Swiercz Wieczynska.

Roma, 27 aprile: proiezione del film e incontro con il regista.

Milano, 28 aprile: convegno all'Università Cattolica.

Bologna, 29 aprile: proiezione e presentazione del regista.

Castel Bolognese, 30 aprile: incontro con Rafal Wieczynski, Annalia Guglielmi e Julita Swiercz Wieczynska.

Milano, 3 maggio: proiezione del film e introduzione di Annalia Guglielmi


26 aprile 2010

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Gariwo, la foresta dei Giusti

una onlus al servizio della memoria

L'intento di Gariwo è di accrescere e approfondire la conoscenza e l'interesse verso le figure e le storie dei Giusti, donne e uomini che si sono battuti e si battono in difesa della dignità
Opera dal 1999 ma nasce ufficialmente nel 2001 come Comitato foresta dei Giusti-Gariwo e nel 2009 diventa onlus. Nel 2020 si trasforma in Fondazione.
È presieduta da Gabriele Nissim. 

Nel 2003 è nato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella di Milano, che dal 2008 è gestito dall'Associazione per il Giardino dei Giusti, di cui Gariwo fa parte con il Comune e l'UCEI.
Nel 2012, accogliendo l'appello di Gariwo, il Parlamento europeo ha istituito la Giornata europea dei Giusti - 6 marzo. Nel 2017 l'Italia è stato il primo Paese a riconoscerla come solennità civile, istituendo la Giornata dei Giusti dell'Umanità.

I nostri contatti