English version | Cerca nel sito:

Nel paese delle pietre urlanti

Viaggio in Armenia con i docenti del Liceo Tito Livio

I partecipanti al Viaggio in Armenia

I partecipanti al Viaggio in Armenia

Il “Viaggio in Armenia” ha concluso il percorso di conoscenza degli insegnanti del Liceo classico Tito Livio e di altri Licei di Milano e dell’hinterland che hanno partecipato al corso di aggiornamento “Armenia tra passato e presente: storia, identità, cultura".

Il centesimo anniversario del genocidio è stato l’occasione di un percorso storico-culturale connesso ai temi della memoria del Novecento, affrontati nell’ottica del recupero delle figure esemplari dei giusti e dei resistenti morali, con l’obiettivo di aiutare gli insegnanti a condurre gli studenti attraverso nuovi percorsi di ricerca sul  popolo armeno - tema ignorato o sottovalutato nei testi scolastici, malgrado le reali connessioni con la contemporaneità.

Un approfondimento che partendo dalla microstoria, vale a dire dal tema della presenza della diaspora armena in Italia - le piccole comunità presenti a Milano, Venezia, Livorno, Roma, Bari e in tante altri luoghi, integrate ma non assimiliate nel tessuto cittadino che le ospita - si é poi allargato alla macrostoria, con la ricostruzione delle vicende del popolo armeno dall’antichità a oggi, con la grande frattura del genocidio del 1915 e il negazionismo della Turchia che lascia nelle seconde e terze generazioni ferite non sanate; e infine la testimonianza di un figlio di un sopravvissuto dalla scoperta della sua terra e alla ricerca dei giusti che hanno disobbedito agli ordini  cercando di soccorrere le vittime e dei testimoni di verità che hanno documentato la realtà del genocidio.

L’identità religiosa, linguistica, letteraria e artistica di un popolo di architetti, scultori, miniaturisti, musici e poeti, rimasto in vita nella piccola patria dell’Armenia indipendente dal sistema sovietico dal 1991 (circa tre milioni di abitanti e sette milioni in diaspora nel mondo), è stata ricostruita negli ultimi incontri, e tuttavia doveva essere, ed è stato, il Viaggio in Armenia a completare degnamente il percorso di conoscenza compiuto a livello teorico.

Dieci partecipanti, insegnanti e presidi, guidati dalla sottoscritta e dalla guida locale Karen - un tenore colto, entusiasta, animato da forte sentimento di appartenenza alla patria armena - hanno compiuto il percorso sulla terra d’Armenia, quella che Mandel’stam definiva Il paese delle pietre urlanti.

In effetti percorrere le strade dell’Armenia significa essere continuamente a contatto con le pietre. Le pietre delle chiese e degli antichi monasteri, le pietre in rovina delle fortezze, luoghi di culto, di incontro e di studio, di difesa; le pietre dei khachkar, le antiche croci che fiorivano su tutto il territorio armeno, i tufi rosa delle città, le pietre in rovina dei kolchoz abbandonati, edifici e strutture architettoniche oggi privi di tutto ciò che li circondava, villaggi, abitazioni rurali, campi coltivati.

Pietre sopravvissute a secoli di storia, rimaste nude, e diventate oggi meta di pellegrinaggi di turisti e studiosi, che fotografano, misurano, contemplano. Le pietre d’Armenia ci hanno fatto vivere la memoria, in un movimento continuo tra passato e presente e ognuno di noi le ha caricate di significati e valori. Nell’antico monastero di Ghegard, la voce poderosa della guida Karen che ha elevato un Der Voormia (Signore pietà) nella chiesa superiore, dove l’eco l’ha trasformata in un grande coro; ci ha immerso, a partire dal primo giorno, nel cuore della realtà armena, dove l’identità religiosa è l’elemento forte della cultura del popolo. Un cristianesimo vissuto da dominati durante l’Impero Ottomano nell’Armenia perduta del Metz Yeghérn, il genocidio; un cristianesimo vissuto nell’ombra durante il comunismo, in quella che è rimasta oggi l’unica patria armena; un cristianesimo che oggi rivive in libertà e in tutte le sue forme più tradizionali.

Viaggiare in Armenia oggi significa vivere un’esperienza di contrasti e di realtà assai diverse tra loro. Yerevan, la capitale, si sta già avviando a quei processi che noi conosciamo bene: urbanizzazione selvaggia, distruzione dei centri storici, periferie abbandonate, ricchezza e povertà. Povertà che domina nei paesi, sia a sud nella piana dell’Ararat, che a Nord verso le montagne. La notte trascorsa a Gyumri, l’antica Alexandropol degli zar devastata dal terremoto del 1988, ci ha permesso di constatare come il processo di ripresa sia lento. Abbiamo però anche potuto toccare con mano i risultati dello sforzo e dell’impegno profuso in questa realtà dal console onorario italiano Antonio Montalto, medico accorso ad aiutare i sopravvissuti al disastro del terremoto e rimasto sul territorio a organizzare con Family Care gli ospedali, i reparti per le partorienti, e poi ad avviare attività di artigianato locale e di accoglienza turistica - un turismo responsabile e culturale, che oggi sta dando i suoi frutti. Montalto ha ospitato il nostro gruppo sia a Gyumri sia a Yerevan, dove una sera abbiamo incontrato gli studenti dell’Università Brusov che seguono i corsi di italiano, insieme ai loro insegnanti. È stato un dialogo e un confronto che ha lasciato una traccia forte in tutti noi, per l’interesse, la curiosità, il desiderio di sapere di più dell’Italia e del nostro modo di vivere. Gli studenti parlano l’italiano a un buon livello e sono in grado di dialogare e comunicare le loro esperienze. Erano molto interessati all’attività di Gariwo, la foresta dei giusti e abbiamo spiegato che anche per il genocidio armeno si lavora nelle scuole, a partire dalle figure dei salvatori e dei testimoni di verità. Da questo incontro è nato il proposito di organizzare scambi culturali con gli studenti di Milano.

Grande interesse ha suscitato la visita al Matenadaran, il Museo del Libro, che custodisce i più antichi codici miniati armeni, laboratorio di studio, di restauro e insieme luogo di attività culturali a livello internazionale.

La visita a Dzidzernagapert, la Collina delle rondini che custodisce, a Yerevan, il memoriale del genocidio e il Museo completamente rinnovato per il centenario, ha fatto capire a tutti noi cosa significa non poter sanare, a causa del negazionismo del governo turco, la ferita profonda del genocidio - ferita inferta a tutta l’umanità. Solo la visione del giardino e del Muro della memoria dei giusti, con i nomi dei salvatori e dei testimoni di verità, ha fatto rinascere la speranza di una riconciliazione e di un dialogo tra il popolo turco e il popolo armeno.

Abbiamo lasciato l’Armenia con la visione del monte Ararat, in turco “Montagna del dolore”, in armeno “Creazione di Dio”, e con l’impressione viva di una realtà umana accogliente. Per ogni armeno l’ospite e il visitatore sono “un dono di Dio”.

Anna Maria Samuelli, Commissione didattica Gariwo

Anna Maria Samuelli, Commissione didattica Gariwo

18 giugno 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Agorà degli insegnanti

L’infanzia e l’adolescenza sono periodi cruciali per l’assorbimento di idee e valori, che formano il modo di pensare dell’individuo. Per questo vogliamo dedicare un nuovo spazio al mondo della scuola, di aperta collaborazione con i docenti per comunicare con i giovani.
Come docente di Scuola Primaria Emanuela Bellotti ha sperimentato sul campo che vale la pena trasmettere ai bambini grandi ideali senza lasciarsi sopraffare dalla paura di trattare argomenti troppo difficili. Per i ragazzi più grandi è altrettanto importante proporre strumenti di riflessione che catturino la loro attenzione, suscitando interesse, curiosità e voglia di approfondire. In questo ci guida Anna Maria Samuelli, insegnante di liceo in pensione e responsabile della Commissione didattica di Gariwo.

Agorà degli insegnanti, ultimi articoli

Multimedia

Intervista a Pietro Kuciukian

Nel centenario del genocidio armeno

La storia

Beatrice Rohner

protesse i bambini armeni dal genocidio