English version | Cerca nel sito:

Parlare di donne a vent'anni da Pechino

tra progressi e obiettivi da raggiungere

È atteso a New York per il 26 settembre il Global Leader’s meeting on gender equality and women’s empowerment, un incontro per discutere dei diritti delle donne “a vent’anni da Pechino”. Se la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne del 1979 rappresenta il principale testo giuridicamente vincolante in materia di diritti femminili, è infatti grazie alla Conferenza internazionale di Pechino del settembre 1995 che si è giunti a una Piattaforma d’Azione che impegna i Paesi dal punto di vista politico e culturale.

Quello nella capitale cinese era il quarto di una serie di incontri - dopo Città del Messico, Copenaghen e Nairobi - promossi dalle Nazioni Unite a partire dal 1975. Con il vertice di Nairobi cambiò l’approccio internazionale alla questione del progresso femminile - visto non più come nodo isolato, ma come parte integrante di ogni sfera dell’attività umana. È tuttavia da Pechino che è partito l’impegno a "guardare il mondo con occhi di donna”.

Oltre 17mila partecipanti alla Conferenza del 1995, tra cui Hillary Clinton, Benazir Bhutto, Wangari Maathai e Aun San Suu Kyi - che ha inviato un videomessaggio -, hanno trovato un punto di sintesi sul tema dei diritti delle donne in un documento firmato da 189 Paesi. La Piattaforma d’azione che ne è derivato individua 12 aree in cui concentrare gli interventi: povertà, istruzione e formazione, salute, violenza contro le donne, rapporto tra donne e conflitti armati, economia, potere e processi decisionali, meccanismi istituzionali per favorire il progresso delle donne, diritti fondamentali, media, ambiente e bambine.

Dopo la conferenza di Pechino i problemi di applicazione della sua Piattaforma sono stati discussi ogni anno dalla Commissione ONU sulla condizione delle donne (CSW), organismo funzionale del Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) delle Nazioni Unite istituito nel 1946. La Commissione, composta dai rappresentanti di 45 Stati eletti dall’ECOSOC in base a un criterio di equilibrio geografico, ogni anno esamina un tema prioritario e invia raccomandazioni per i governi, gli organismi intergovernativi, le istituzioni e la società civile.

L’agenda dei lavori della 59esima sessione ha previsto come tema prioritario la Piattaforma d’azione di Pechino, mostrando un notevole divario tra le politiche elaborate e la loro applicazione.

Cos’è stato fatto fino ad oggi, e cosa rimane ancora da fare?

Le Nazioni Unite hanno concretizzato il loro impegno sul fronte femminile dando vita nel 2010 a UN Women, agenzia parte del Gruppo per lo sviluppo. Con uno staff di quasi 2000 unità, UN Women è operativa in 90 Paesi e ha il compito di promuovere l’eguaglianza di genere e i diritti delle donne. Nonostante le critiche da parte di attivisti e associazioni, che accusano l’agenzia - e in generale gli enti per i diritti delle donne - di essere una “blanda riaffermazione degli impegni presi a Pechino”, UN Women è stata fondamentale per la creazione di standard minimi condivisi da cui partire per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e per l’azione sui governi affinché introducano legislazioni volte all’eguaglianza di genere.

Questo è vero soprattutto per quanto riguarda la violenza contro le donne. Proprio per rispondere a un problema che oggi è impossibile ignorare, nel 2011 è stata adottata la Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, un documento del Consiglio d’Europa che mira a punire e prevenire violenza psicologica, atti persecutori (stalking), violenza fisica, violenza sessuale, matrimonio forzato, mutilazioni genitali femminili, aborto forzato o sterilizzazione forzata. Resta tuttavia ancora molto lavoro da fare, se si pensa che, secondo le stime di UN Women, oggi 1 donna su 3 nel mondo è ancora vittima di violenza fisica e psicologica.

Quella della violenza sulle donne non è l’unica area in cui è necessaria un’azione urgente.

Resta prioritario il problema delle spose bambine, che ha ancora numeri spaventosi: si parla infatti di 14.2 milioni di minori costretti a sposarsi ogni anno, per una cifra totale di 140 milioni. Occorre poi riportare l’attenzione dei governi sulla questione delle mutilazioni genitali femminili, pratica perpetuata in nome di tradizioni sociali e religiose che mette a rischio la vita di milioni di donne e ragazze in 29 Paesi.

Secondo stime dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità, sono oltre 100 milioni nel mondo le vittime di mutilazioni genitali femminili (MGF), largamente diffuse in molte regioni africane, del Medio Oriente, dell’Asia e dell’America Latina, ma presenti anche in Europa. Secondo il Parlamento europeo sono circa 500mila le donne e le ragazze che convivono con le mutilazioni genitali femminili sul nostro territorio, e 180mila coloro che rischiano annualmente di essere sottoposte alla pratica. La Convenzione di Istanbul è il primo trattato che riconosce l'esistenza delle MGF in Europa e la necessità di affrontare il fenomeno in modo sistematico, nonostante la forte resistenza che si incontra anche da parte delle stesse madri e delle società nel loro complesso, ancorate a pratiche tradizionali che considerano necessaria l’infibulazione per garantire la purezza delle ragazze.

Impossibile inoltre non citare la difficoltà di accesso all’educazione femminile, soprattutto in alcuni Paesi africani, in Medio Oriente, in Pakistan - da dove si è levato l’appello di Malala, la giovane che ha sfidato i talebani con la sua lotta per il diritto all’istruzione - e in Afghanistan, dove circa l’85% delle donne resta priva di educazione.

A vent’anni da Pechino, tuttavia, arrivano anche notizie positive sul fronte dei diritti delle donne. La rappresentazione femminile è in aumento; oggi ci sono 11 parlamenti con più del 40% di donne, e nove donne a capo del governo. È diminuita inoltre la mortalità femminile durante il parto, scesa del 45% a livello globale - seppure il 99% di questi decessi avvenga ancora nei Paesi in via di sviluppo, in particolare nell’Africa sub-sahariana.

Siamo tuttavia lontani dalla parità di genere, annunciata dalle Nazioni Unite per il 2030, e per raggiungere l’obiettivo occorre costruire un percorso collettivo che si focalizzi anche sull’inclusione delle donne nel processo economico. E questo non vale solo per i Paesi in via di sviluppo, ma anche per gli Stati occidentali: basti pensare che, secondo il Gender Gap Report 2014 - lo studio del World Economic Forum sulle disparità di genere nel mondo che analizza la situazione di 142 Paesi - l’Italia arriva solo al 114esimo posto nella classifica sull’accesso femminile alle opportunità economiche, alle spalle di Angola, Costa d’Avorio, Belize, Guinea, Burundi, Zambia, Ucraina e Romania.

Se, come si legge nel rapporto 2015 di UN Women, l’economia lavorasse per le donne, “le loro scelte di vita non sarebbero vincolate agli stereotipi, allo stigma e alla violenza di genere; il lavoro retribuito e non retribuito che le donne fanno verrebbe rispettato e valorizzato; e le donne sarebbero in grado di vivere la loro vita senza violenza e molestie sessuali. Avrebbero pari voce nei processi decisionali in campo economico: avrebbero voce su quanto tempo e quanto denaro vadano spesi nelle loro famiglie; avrebbero, inoltre voce su sui modi in cui le risorse vengono aumentate e allocate nelle loro economie nazionali e avrebbero voce sulle più ampie politiche economiche stabilite dalle istituzioni globali”.

Martina Landi, Redazione Gariwo

Martina Landi, Redazione Gariwo

24 settembre 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Appunti internazionali

Abbiamo scelto di dedicare una rubrica all’approfondimento di tutte quelle notizie che ogni giorno, come redazione, troviamo sui quotidiani e che provengono da Paesi lontani e poco conosciuti. Carolina Figini e Martina Landi, della redazione di Gariwo, ci guidano nell’analisi di queste situazioni di conflitto. Questi “Appunti internazionali” indagano sulle origini storiche e sociali delle guerre dimenticate o trascurate dai media e sui meccanismi istituiti dalla giustizia internazionale per punire i colpevoli di gravi crimini contro l’umanità. Dalla guerra civile nello Sri Lanka alla secolare questione curda, passando per gli scenari dei nuovi Paesi a rischio genocidio, la rubrica offre spunti sugli aspetti normativi e storici di situazioni internazionali poco conosciute.

Appunti internazionali, ultimi articoli

Multimedia

Terraferma

Di Emanuele Crialese (2011)

La storia

Flavia Agnes

un'avvocatessa per i diritti delle donne