English version | Cerca nel sito:

​Io non ho paura dei Kamikaze

Il grido di Adel e di Ludovic Boumbas

Giovedì 12 novembre 2015, un giorno prima degli attentati criminali di Parigi che hanno scosso il mondo intero, Adel Termos, un trentaduenne libanese di umili origini - che abitava nel quartiere popolare di Burj al- Barajneh, alla periferia di Beirut - è diventato il simbolo della lotta contro il califfato islamico.

Dopo la sua uccisione, il padre Akram ha dichiarato: ”Giovedì scorso mio figlio si è fermato al lavoro nell’officina fino alle cinque, poi è tornato a casa. Appena rincasato, dopo aver abbracciato i suoi due bambini, ha detto alla moglie Basima: ”Vado a pregare nella moschea.” La donna ha chiesto al marito di fermarsi a casa per mangiare con i figli che avevano fame. Lui ha replicato che prima si sarebbe recato a pregare, assicurandole che sarebbe tornato presto. Per strada ha sentito un’esplosione tremenda, è corso verso la moschea ed ha notato che stava arrivando un uomo che urlava: “Allah wa Akbar” (“Dio è grande”), con l’evidente intenzione di farsi esplodere tra i fedeli raccolti in preghiera. In lontananza l’uomo ha scorto una bambina che aveva gli stessi anni di sua figlia. Senza alcun ripensamento, Adel ha afferrato con tutte le forze il terrorista alle spalle e l’ha abbracciato, facendosi esplodere insieme a lui, ma riuscendo a salvare con il suo gesto eroico decine di uomini e di donne che erano nel luogo dove si è consumata la grande tragedia.”

Il padre, tra i singhiozzi, ha aggiunto: ”Appena ho sentito la prima esplosione, ho chiamato mio figlio Adel, che però non mi ha risposto. Immediatamente mia moglie, che era molto preoccupata, è andata a bussare alla porta della casa di nostro figlio per chiedere sue notizie.”

Non avendo ricevuto notizie rassicuranti, la donna raggiunse la strada gridando: ”Qualcuno ha visto mio figlio Adel?”
“Sì, è morto da eroe.”

Durante i funerali, svoltisi il 13 novembre - la stessa data in cui Parigi stava per affrontare il giorno più ottenebrato della sua storia - la vedova ha dichiarato: ”Sono fiera di mio marito che è morto da eroe. Oggi è un giorno di festa, di orgoglio e di fierezza.“

La figlia Malak, di 6 anni, tenendo in mano la foto del padre, con gli occhi segnati dal dolore e dalle lacrime, ha domandato: ”Mamma, dov’è mio padre?” Il fratellino Akram ha risposto: ”Papà tornerà presto”.

Il Libano ha perso uno dei suoi figli più cari, un uomo che ha abbracciato la morte per donare la vita ai suoi concittadini; il suo gesto rimarrà come una fiaccola accesa per rischiarare il mondo dalle tenebre del male.

Un altro uomo degno di essere onorato è il quarantenne congolese Ludovic Boumbas, che stava festeggiando con gli amici il suo compleanno in un bar di Parigi, quando all’improvviso un terrorista ha puntato la pistola contro una donna e una ragazza gridando: “Allah è grande”. Ludovic non ha voluto assistere, durante il suo compleanno, alla morte di due innocenti. Si è lanciato dinanzi a loro e ha usato il suo corpo come scudo. Per fermare il proiettile ha pagato la propria vita, il bene più grande che possedeva.

Le orde Barbariche ed assassine attaccano i libanesi e i Parigini. Cosa aspetta il Mondo a mettere fine a questi massacri? Quante vittime dobbiamo pagare ancora?. Siamo capaci o non lo siamo piu'?. Basta violenza …..

Hafez Haidar, Accademico emerito e scrittore

Hafez Haidar, Accademico emerito e scrittore

19 novembre 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Echi del Mediterraneo

Da millenni luogo di incontro tra genti, culture e religioni, il Mediterraneo è anche teatro di eventi drammatici. Conflitti e terrorismo minacciano la convivenza pacifica tra i popoli. Ma non sono solo echi di guerra quelli che attraversano questo mare. Lo scrittore e poeta Hafez Haidar ci racconta le storie delle donne e degli uomini di ieri e di oggi che si sono fatti portatori di un messaggio di tolleranza, pace, solidarietà.

Di origine libanese, ma di cittadinanza italiana, Hafez Haidar ha scelto di abbandonare la carriera diplomatica e dedicarsi all’insegnamento e alla scrittura per costruire un ponte di dialogo tra l’Italia e il Medio Oriente. Con le più importanti case editrici italiane ha pubblicato vari libri di saggistica e narrativa ed è stato insignito di numerosi premi letterari e riconoscimenti per il suo impegno in favore della cultura della pace. Ha curato e tradotto per le edizioni Piemme le principali opere del poeta e filosofo libanese Kahlil Gibran.

Multimedia

"Non aspettarmi vivo" di Anna Migotto e Stefania Miretti, di Antonio Ferrari

La banalità dell'orrore nelle voci dei ragazzi jihadisti

La storia

Fatima Mernissi

Scrittrice, docente di sociologia all’Università Mohammed V di Rabat, Marocco