Gariwo
https://it.gariwo.net/testi-e-contesti/diritti-umani-e-crimini-contro-l-umanita/perche-i-giovani-di-kiev-hanno-un-sogno-europeo-25289.html
Gariwo

Perché i giovani di Kiev hanno un sogno europeo?

di Vlada Zapashna

Vlada Zapashna è una studentessa ventitreenne responsabile della sezione giovanile di Act for Ukraine, un'associazione che collabora con il Movimento Europeo di Azione nonviolenta (MEAN). Zapashna ha pronunciato questo discorso in chiusura dell'evento dell'11 luglio a Kiev, a conclusione della Marcia europea nel giorno di san Benedetto copatrono d'Europa.

Adesso ho 23 anni. E la giovinezza per me, così come per la maggior parte dei giovani, non è sempre una questione di decisioni ponderate e sensate. Agiamo con il nostro cuore, sentimenti e sogni.

Vogliamo abbracciare il mondo intero. Per conoscere nuove culture, lingue, tecnologie, vogliamo essere diversi, speciali, vogliamo essere come ci piace di essere. E quindi esseri libero nelle nostre scelte. Ucraini liberi. Liberi europei.

Anno 2013. 30 novembre, 4 di mattina. Una folla di diverse migliaia nel centro di Kiev si disperde e rimangono circa 400 manifestanti. Chi sono queste persone disperate? Studenti delle università di Kiev. Quella notte, le autorità criminali organizzeranno un brutale pestaggio di questi giovani per aver espresso il loro desiderio di cambiamento storico. Ritorno alla famiglia europea lontano dall'Oriente coloniale. A quel tempo ero ancora una cittadina molto giovane, ma ricordo ancora, quell'energia inarrestabile dentro di me, la voglia di essere lì con loro, di essere parte dei cambiamenti, di essere accanto a ucraini disperati e coraggiosi. Come mai?

Perché vogliamo essere orgogliosi del nostro Paese, dire con orgoglio "Io sono ucraino", "Io sono ucraina". Vogliamo essere orgogliosi del rapido sviluppo economico, delle istituzioni moderne, delle leggi che tutelano la natura, delle infrastrutture moderne, della medicina accessibile e del livello di istruzione. Vogliamo sentire rispetto per una persona, i suoi diritti e le sue libertà, vogliamo essere ascoltati nella nostra scelta di Democrazia, Uguaglianza e Giustizia, lo Stato di diritto per tutti.

Il 30 novembre 2013 sarà l'inizio della Rivoluzione della Dignità, perché già la sera centinaia di migliaia di cittadini ucraini rappresenteranno i giovani ucraini su Maidan Nezalezhnosti. I giovani dell'Ucraina hanno iniziato il percorso europeo di cambiamento nel nostro Paese.

In tutti questi anni fino ad oggi, non abbiamo aspettato che ci chiamassero, ma abbiamo cambiato in meglio Kiev e altre città dell'Ucraina con i nostri stessi sforzi. Siamo andati alle manifestazioni, uniti in squadre di iniziativa per realizzare i propri progetti della capitale verde, costruire piste ciclabili, smistare i rifiuti, prendere parte attiva alla vita politica del paese, sviluppare l'attrazione culturale e turistica del nostro stato. Ma non tutti i vicini dell'Ucraina ci hanno augurato successo.

Adesso è il 2022. Il 24 febbraio, alle 4 del mattino, ci è stato tolto un sonno sereno, a bambini, giovani, adulti e anziani. E ancora, la giovane generazione di ucraini non ha aspettato di essere chiamata, ma è stata tra le prime a difendere la protezione del futuro dell'Ucraina: decine di migliaia di giovani uomini e donne sono diventati volontari, volontari e soldati che, con le armi nelle loro mani, difendono la scelta europea sul campo di battaglia.

Guardate i filmati della pacifica città di Irpin, a 30 minuti di auto da Kiev, una città bombardata dall'esercito russo, dove migliaia di civili sono stati uccisi e dozzine di ragazze e ragazzi sono stati violentati. Ora la città è stata liberata e sta tornando in vita. Ma ogni ucraino prova ancora l'orrore e il dolore quando ha visto le riprese della regione di Kiev. Vivo molto vicino a Irpin, mi addormentavo ogni notte e mi svegliavo ogni mattina con le esplosioni, nel seminterrato. Sfortunatamente, ci sono migliaia di città e paesi in Ucraina che hanno ricordi dolorosi di crudeltà inspiegabili. È chiaro se gli ucraini smetteranno di difendersi dall'occupante con le armi in mano, non ci sarà l'Ucraina e se la Russia smetterà di usare armi e terrore contro il nostro popolo, arriverà la Pace.

Questa è una foto di due Kyivan. Ragazzi giovani. Roman Ratushny, 24 anni e Semyon Oblomei, 22 anni. Attivo, giovane, dal cuore ardente. Semen si è laureato alla Leadership Academy, Roman è un attivista sociale e politico. Sono una nuova generazione di giovani ucraini che hanno realizzato il loro sogno europeo nella capitale.

Entrambi sono morti difendendo lo stato dal nemico, proteggendo il futuro dei loro parenti, il loro futuro. Voglio che voi vi ricordate questi ragazzi, rispondendo alla domanda "L'Ucraina e il suo popolo sono pronti a far parte dell'Europa?" Questi giovani hanno dato la vita per la protezione dei valori europei e la pace per il popolo europeo. Ricordate questo.

Il nostro desiderio di far parte della comunità europea non è solo un sogno o un desiderio. Questo è un percorso storico e geneticamente tracciato, lavato con il sangue di milioni di giovani dagli eroi di Krut fino a Mariupol.

Noi giovani diciamo al mondo "Stop war" dagli schermi degli smartphone, con manifesti sulle piazze di decine di città europee e americane, diciamo al mondo "Stand with Ukraine", ricevendo un altro lotto di aiuti umanitari dall'estero e munizioni protettive per i militari e, nonostante tutto il dolore e le notti insonni, continuiamo a combattere per l'Ucraina ogni giorno. Ed io, come parte del team della Fondazione di beneficenza "Azione per l'Ucraina", insieme ad altri giovani che sono già fondatori delle proprie organizzazioni di beneficenza per aiutare l'Ucraina, stiamo facendo tutto il possibile per il futuro pacifico e libero del nostro Paese. Ogni giorno consegniamo beni umanitari alle regioni in prima linea, aiutiamo gli sfollati, gli ospedali, gli orfanotrofi e i nostri difensori.

Mi rivolgo ora a tutti i leader europei, personalità culturali influenti, atleti e, in particolare, ai nostri amici italiani. Con il sostegno internazionale, gli ucraini non solo saranno in grado di ripristinare l'Ucraina, riportare la pace, ma anche costruire il paese come noi, giovani ucraini, vogliamo vederlo. Un Paese potente e moderno, con forti istituzioni civili, un'economia sostenibile e digitale. Saremo felici in un paese dove siamo la giovane generazione.

In conclusione, voglio rispondere alla domanda principale del mio intervento "Perché i giovani di Kiev hanno un sogno europeo?". Penso che ci sia un errore in questa frase. Perché non è una domanda. Questa è una verità chiaramente definita e storicamente radicata "I giovani di Kiev e di tutta l'Ucraina HANNO un futuro europeo".

6 settembre 2022

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!