Gariwo
https://it.gariwo.net/testi-e-contesti/fondamentalismo-e-terrorismo/iran-questo-movimento-reclama-la-vita-25425.html
Gariwo

Iran: questo movimento reclama la vita

una conversazione tra Lina Attallah e Fatemeh Sadeghi sulle proteste in Iran

Riprendiamo l'articolo di Lina Attallah (leggi la sua biografia sull'Enciclopedia dei Giusti) pubblicato il 25 ottobre 2022 sul giornale online Mada, in cui la giornalista egiziana intervista la studiosa iraniana Fatemeh Sadeghi

I manifestanti iraniani hanno continuato a scendere per le strade del loro paese da più di cinque settimane da quando la ventiduenne Mahsa Amini è stata uccisa dalla polizia morale del paese dopo che l'hanno arrestata per “abiti inappropriati". Le proteste si sono diffuse in tutto il paese, tra le ragazze nelle scuole, i giovani nelle università e unioni sindacali nei luoghi di lavoro galvanizzati dal movimento. Amnesty International ha riferito che gli organismi militari hanno incaricato i comandanti delle forze armate delle province di "affrontare senza pietà" chi manifesta. Gruppi per i diritti umani stimano che oltre 200 persone siano state uccise, tra cui almeno 23 bambini, mentre migliaia sono stati arrestati.

Il 15 ottobre è scoppiato un incendio fatale nella prigione di Teheran Evin, nota per trattenere attivisti per i diritti umani, giornalisti, studenti, avvocati e altre figure dell'opposizione, sollevando domande sulle circostanze dietro l'incidente. Otto prigionieri sono morti, secondo le dichiarazioni ufficiali, ma i gruppi per i diritti umani stimano che le vittime siano più alte.

In questa conversazione con Mada Masr, Fatemeh Sadeghi, scienziata politica focalizzata sul pensiero politico e gli studi di genere che vive tra Teheran e Londra, dove è ricercatrice associata presso l’UCL Institute per la prosperità globale, traccia l'evoluzione delle proteste del mese scorso e la risposta dello Stato ad esse. L'intervista è stata leggermente modificata per chiarezza.

Mada Masr: È passato più di un mese da quando sono scoppiate proteste a livello nazionale per l'uccisione di Mahsa Amini da parte della polizia di stato. Come si sono evolute politicamente le proteste in queste settimane?

Fatemeh Sadeghi: Poco dopo la sua morte, Mahsa è diventata un simbolo di umiliazione su larga scala nell'Iran di oggi. In primo luogo, era una donna: essere donna in Iran significa essere oggetto di umiliazione e discriminazione. In secondo luogo, è stata arrestata a causa del suo hijab, che è una delle manifestazioni più visibili dell'oppressione delle donne. In terzo luogo, è stata brutalmente torturata e uccisa dalla polizia mentre era in custodia. La sua morte conferma la brutalità della polizia iraniana. In quarto luogo, era cittadina di una delle province iraniane più disagiate e represse, ovvero il Kurdistan. E infine, dopo la sua morte, l'apparato repressivo si è trasformato in scenari di fabbricazione e diffusione di bugie per giustificare la sua morte.

Le proteste si sono concentrate su due questioni principali: l'hijab obbligatorio e la brutalità della polizia. Il primo è la richiesta di libertà, il secondo è la richiesta di dignità. Entrambi sono stati assenti dalla vita politica in Iran, ma hanno una presenza chiara e prominente in quasi tutti gli slogan di questo movimento, in particolare lo slogan "Donna, vita, libertà."

MM: Quali sono le origini delle organizzazioni femministe e movimenti femministi in Iran sullo sfondo delle proteste che vediamo? C'è un contesto storico in cui possiamo collocare ciò che vediamo oggi?

FS: L'emergere di questo movimento dovrebbe essere considerato, in larga misura, il risultato per aver ignorato le esigenze storiche delle donne, tra cui la scelta di indossare l'hijab e i diritti sul proprio corpo. Il movimento delle donne in Iran ha più di cento anni - più antico di molti altri movimenti. Fu avviato per la prima volta insieme alla rivoluzione costituzionale del 1905 in Iran con lo scopo di rendere la società consapevole dello status giuridico inferiore delle donne e di dare seguito a questioni pertinenti come l'istruzione, la rimozione dell’hijab, il diritto di voto e la parità di diritti nel matrimonio e nel divorzio, tra le altre questioni. Ma il movimento ha affrontato due grandi ostacoli fin dalla sua nascita: gli organi di governativi ei conservatori. Nella Repubblica islamica dell'Iran, questi due elementi sono uniti. Di conseguenza, dall'istituzione della Repubblica islamica nel 1979, è stata tracciata una linea per le donne. Ciò avvenne anche se la massiccia partecipazione delle donne alla rivoluzione contribuì alla sua vittoria. Tuttavia, subito dopo che gli islamisti fondamentalisti salirono al potere, imposero l'hijab. Poi è arrivata la cancellazione del diritto di famiglia dell’era Pahlavi con il pretesto che fosse anti-islamico.

Le donne in Iran hanno resistito e combattuto contro queste restrizioni in vari modi dalla rivoluzione del 1979. In una delle proteste più significative degli ultimi anni, abbiamo assistito all'esplosione della cosiddetta "Le ragazze di via Enghelab [Rivoluzione]". Durante gli ultimi giorni del 2017, proprio quando stava arrivando una nuova ondata di proteste, Vida Mohaved, una donna normale, è salita su una piattaforma in via Enghelab a Teheran e ha sventolato il velo in aria. Questa azione è stata seguita da altre donne per opporsi all’hijab obbligatorio. Così, sono nate “Le ragazze di via Enghelab". Mentre questo movimento veniva soppresso, si avvertiva un notevole cambiamento nell'atmosfera delle città che ha portato a un incredibile aumento del numero di donne che hanno avuto il coraggio di uscire senza hijab.

Le giovani generazioni in qualche modo portano con sé tutte queste esperienze. Ma pensano e agiscono in modo diverso. Sono stanche di questa situazione e sono consapevoli che tutti i mezzi a loro disposizione, compresa la disobbedienza civile, le urne, i negoziati, e così via, sono falliti. Vedono anche che le condizioni di vita stanno peggiorando, tra la disoccupazione, l'inflazione e altri problemi economici. Invece di affrontare questi problemi, la polizia governativa controlla lo spazio lo spazio pubblico sempre di più e porta le pattuglie hijab per le strade per arrestare le donne.

MM: L'attuale movimento sta introducendo qualcosa di nuovo nella politica di protesta? Fronteggia la politica accentratrice? Combatte per il femminismo? Per la pratica politica in generale? Queste proteste si stanno ri-organizzando?

FS: Sì. Le recenti proteste sono un anello di una catena di proteste che insieme hanno il potenziale per un cambiamento radicale. Questa catena di protesta è iniziata con il “Movimento Verde” nel 2009, che aveva una forma più pacifica, ma con ogni ondata di repressione ha preso una forma più conflittuale. È interessante che in tutte queste proteste, le donne siano state al comando. Alcuni di quegli slogan sono stati ripetuti in queste ondate di protesta; per esempio: "Morte al dittatore" e "Non abbiate paura. Non abbiate paura. Siamo qui tutti insieme ", sono usati dal 2009.

Ma questa ondata di protesta ha anche caratteristiche uniche, tra cui il fatto che anche tante piccole città vi hanno aderito, mentre il Movimento Verde aveva incluso solo le città più grandi, anche se nelle proteste del 2017 e 2019 altre città si erano unite. In questa nuova ondata, più città hanno iniziato a partecipare. Durante le recenti proteste si sono tenuti anche raduni in molte città più piccole. Inoltre, questo movimento ha assunto una forma più radicale e sta puntando a un cambiamento sostanziale del sistema attuale. Possiamo dire che l'Iran è entrato in una situazione rivoluzionaria. Non voglio dire che ci sarà una rivoluzione nel senso di cambiamento di regime, almeno non nel breve termine, ma, a causa di questo movimento, la situazione è completamente cambiata e nulla sarà simile a quello che c’era prima.

Il movimento recente è forte perché è radicato nella vita quotidiana e prende la sua forza ed energia dalla normalità. Migliaia di donne e uomini comuni sono scesi per le strade di Teheran e di molte altre città perché frustrati dall'umiliazione e dall'oppressione. È, infatti, questa ordinarietà che dà vita allo straordinario.

Questa normalità è esemplificata in vari slogan, tweet, canzoni, opere artistiche e immagini. Il nemico di cui parlano le autorità è la vita stessa. Questo perché la Repubblica islamica ha dichiarato guerra alla vita ignorando la vita quotidiana e imponendo disagi e stenti senza precedenti come corruzione, precarietà, crisi ambientale e una grave discriminazione e disuguaglianza. Qui sta il potere e la popolarità dello slogan "Donna, Vita, Libertà". Spiega anche la popolarità della canzone "Baraye" ["per" o "a causa di"] di Shervin Hajipour. Sfortunatamente, il cantante è stato arrestato per aver cantato questa canzone. Questa canzone, il suo rapido aumento di popolarità e l'arresto del cantante dimostrano il potere della gente comune nel rompere le regole esistenti.

MM: Quali altre intersezioni vedi con i precedenti movimenti di protesta del 2009, 2017 e 2019? Ci sono anche rotture?

FS: Vedo sia intersezioni che rotture. Paragonandoli, nella rivoluzione del 1979 c'erano i pugni in aria e l'idea della sacralità del sangue e della violenza. Tuttavia, in questo movimento, la vita è sacra e si esige. Invece di pugni stiamo vedendo applausi, fischi e felicità espressi apertamente. Questo movimento vuole rivendicare la vita, rendendo inevitabile il suo confronto con le forze governative di polizia che invece sono in conflitto con la vita. Se il desiderio e lo strumento della repressione è quello di imporre un lutto passivo, incompleto ed eterno, allora in questo movimento il lutto per i propri cari perduti è diventato una forma di azione di protesta.

In questo movimento, non c'è distanza tra le proteste di strada e il motivo della loro formazione. In altre parole, essere per strada significa realizzare un sogno proibito. Questo aspetto può essere visto in una varietà di espressioni simboliche, tra cui la rimozione del velo, il canto, slogan e inni, così come nella musica, opere d'arte, graffiti e wall writing tra gli altri.

Inoltre, in questo movimento e a differenza di altri movimenti di protesta, la strada non svolge il ruolo di un semplice mediatore. La protesta di strada è parte integrante di questo movimento. La strada è come una vena che inietta sangue nel corpo della società. La protesta di strada è come il sangue nei vasi della società. Inoltre, la presenza in strada porta a una rottura del dominio che il governo esercita sullo spazio pubblico. La violenza eccessiva del governo nel trattare con i manifestanti deriva anche dalla paura di perdere le strade.

MM: Come sta reagendo la leadership? Stai vedendo un qualche tipo di indebolimento? Ti aspetti ripercussioni a breve termine? Potrebbe esserci un cambiamento sul lungo periodo?

FS: La risposta del governo è stata la repressione. Come sempre, attribuisce le proteste all'Occidente e a Israele, anche se non è così. Internet in Iran è stato interrotto per quasi un mese, interrompendo lo scambio di informazioni. Continuano anche gli arresti di massa. Secondo alcune stime, fino ad ora sono state arrestate seimila persone e molte sono state uccise per strada. Tra le altre cose, va detto che trecento bambini sono stati [segnalati] arrestati durante queste proteste. Molti vengono torturati nei centri di detenzione e alcuni hanno già perso la vita - a parte le minacce alle famiglie, agli attivisti civili e politici, agli artisti e agli atleti. Qualche giorno fa c'è stato un attacco alla famigerata prigione di Evin, dove sono state imprigionate numerose delle persone arrestate di recente, attivisti politici e civili e giornalisti. Non è ancora chiaro quale fosse l'intenzione del governo, ma sembra che lo scopo fosse uccidere i prigionieri in uno scenario prestabilito.

Il problema principale è l'approccio del governo alla società. Ha legato la propria identità al dominio e alla forza. Il discorso dei funzionari iraniani è pieno di disprezzo. Hanno un tono autoritario e parole piene di disprezzo per gli altri. Anche quando intendono parlare normalmente, le loro lingue optano solo per il sarcasmo, l'odio e il depistaggio. Questo discorso di autorità e controllo ha una forte radice nella giurisprudenza. Generalmente, il lavoro dei giuristi è quello di dare ordini e non hanno la pazienza di opporsi e criticare. Non capiscono il semplice fatto che con questo discorso governativo, non riescono a controllare la nuova generazione, che i giuristi e le autorità non conoscono né capiscono. Quindi, quando la gente chiede di non uccidere, le autorità diventano si intestardiscono e uccidono di più. Non vedo alcun cambiamento nella reazione del governo.

MM: Quali sono le tue preoccupazioni sulla strumentalizzazione globale/occidentale di questo movimento, soprattutto perché è stato proclamato dai giovani come movimento sulla questione delle donne?

FS: I governi occidentali hanno avuto finora una posizione contraddittoria e ipocrita. Da un lato, si trovano ad affrontare una forte ondata di proteste all'interno e all'esterno dell'Iran a cui devono rispondere. Dall’altra parte, non vogliono un cambiamento di regime in Iran per molte ragioni, tra cui l'equilibrio di potere mantenuto dalla presenza della Repubblica islamica nella regione. Non dimentichiamo che la presenza dell'Iran e i suoi interventi regionali sono una buona scusa per vendere armi all'Arabia Saudita e ad altri concorrenti regionali dell'Iran. È interessante notare che, nonostante le sanzioni contro l'Iran, vediamo che continuano a vendere al regime strumenti di repressione. Inoltre, con l'aiuto di organizzazioni che operano in Occidente, è stato possibile togliere internet in Iran. L'esportazione di tecnologia per la repressione è continuata, nonostante i gesti in favore dei diritti umani e l'opposizione al governo iraniano, che hanno aiutato il regime a sopravvivere. Il governo iraniano rende la società ogni giorno più povera, con il pretesto di sanzioni, e riduce regolarmente la previdenza sociale. Nei fatti, durante questo periodo, l'apparato repressivo si è mantenuto e aggiornato con l'aiuto sia degli alleati orientali che occidentali, Russia e Cina, Stati Uniti, Canada e paesi europei. Le sanzioni che l'Occidente ha imposto all'Iran hanno solo indebolito la società e rafforzato il governo.

Per questo motivo, una grande percentuale di manifestanti non ha una visione ottimistica dei governi occidentali. Molti manifestanti all'interno dell'Iran si oppongono sia alla guerra [l'intervento straniero] che alle sanzioni, perché entrambi sono mezzi per la distruzione della società iraniana.

MM: In che modo il movimento attuale risente dei crescenti sentimenti anti-iraniani nei paesi confinanti?

FS: Molto. Mentre gli iraniani sono noti per il coinvolgimento del governo nell’equilibrio dell’intera regione, molti iraniani non approvano queste azioni. La più nota è stata la posizione del regime nei confronti di Bashar al-Assad rispetto alla repressione violenta della rivoluzione siriana e del popolo. Abbiamo visto i monumenti di Qasem Suleimani, capo delle operazioni militari iraniane nella regione, incendiati dalla gente. Per loro, non era un eroe, contrariamente a quanto il regime cerca di far credere, ma l'assassino di bambini e donne in Iraq e in Siria.

A mio parere, questo movimento di protesta avrà anche alcuni effetti sui paesi limitrofi. Per questo motivo, stanno osservando gli eventi da vicino e con attenzione. Anche se i governi circostanti sono contro il governo iraniano, la preoccupazione per il proprio futuro li fa simpatizzare con loro, anche se non lo dichiarano. Pertanto, è probabile che stiano già pensando di dotarsi in preparazione di futuri movimenti di protesta.

MM: Una volta mi hai detto che la pazienza è al centro dell'essere politici. Puoi dirmi se questo è un momento in cui la pazienza ha raccolto dei frutti?

FS: Sì. Penso che la società iraniana abbia acquisito maturità negli ultimi decenni e che questo movimento non possa essere facilmente soppresso. La gente legge libri e pensa a se stessa e alla situazione generale. In questi decenni, l'auto-riflessione, le discussioni, i dibattiti e i dialoghi sono impressi non solo nella mente delle persone, ma anche all'interno delle famiglie, delle caffetterie, tra amici, gruppi di lettura, nelle università, nelle scuole, e così via. Penso che questo movimento sia radicato in una tranquilla rivoluzione sociale che ha già avuto luogo in Iran. Possiamo dire che questa rivoluzione è stata femminista. Ma non è affatto esclusivo di questioni femminili. Una delle altre conquiste di questa rivoluzione sociale è che il governo che è salito al potere in nome della religione ha perso la sua credibilità morale ed è politicamente illegittimo a questo punto. Molti iraniani ora pensano che questo governo non solo abbia messo in pericolo la vita, ma che stia anche distruggendo la civiltà, la storia e l'identità iraniana.

7 novembre 2022

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!