Sonita Alizadeh

Sonita Alizadeh

Sonita Alizadeh è nata in Afghanistan, ma è cresciuta in un campo per rifugiati in Iran insieme al fratello maggiore. Quando aveva appena dieci anni, sua madre l’ha raggiunta a Teheran per tentare di venderla a un uomo che voleva sposarla, ma senza successo. Sei anni dopo i genitori cercarono di venderla una seconda volta, per 9mila dollari. A quel punto Sonita ha rifiutato, ha imparato a scrivere e ha composto clandestinamente un pezzo rap, Dokhtar Forooshi (Figli in vendita), con cui ha denunciato il dramma delle spose bambine. Nel video della canzone, Sonita è vestita da sposa, ha il volto coperto di lividi, un codice a barre sulla fronte e supplica la famiglia di non venderla.

Il brano ha fatto il giro del mondo ed è arrivato anche allo Strongheart group, un progetto statunitense che mira ad aiutare giovani ambasciatori del cambiamento a far sentire la propria voce. La vicenda di Sonita, che la giovane rapper ha raccontato nell’ottobre 2015 al Women in the World Summit di Londra, è una storia a lieto fine: la ragazza ha vinto una borsa di studio della Wasatch Academy, nello Utah, e ora vive negli Stati Uniti, dove sta proseguendo gli studi.

preview

Produzioni multimediali per presentare personaggi, storie, luoghi, eventi che hanno segnato la storia dell'Europa e delle regioni ai suoi confini.
Interviste, film, documentari, mostre, trailer.

preview

Istituti di ricerca privati e pubblici, associazioni culturali, musei, memoriali, dedicati alla memoria e alla storia del proprio passato e dell'Europa, divisi per nazione.
Recapiti,  link e immagini.

preview

Documenti in originale riprodotti per la consultazione.
Fonti autografe, lettere, diari, dediche, fotografie, frontespizi, articoli d'epoca, messaggi, fonogrammi, autorizzazioni e ordini governativi, militari e amministrativi, altri reperti archivistici.

Wefor è il sito dedicato alle figure di resistenza morale ai totalitarismi. I Giardini virtuali dei Giusti d'Europa e la sezione didattica YouFor sono l’anima di questo progetto realizzato da Gariwo, la foresta dei Giusti. Con l’istituzione della Giornata europea dei Giusti da parte del Parlamento di Bruxelles, Wefor ha trovato il suo più alto riconoscimento.