Ayse Nur Zarakoglu (1946 - 2002)

Ayse Nur Zarakoglu (1946 - 2002)

Nata nel 1946, laureata in sociologia, ha lavorato presso la Biblioteca dell’Istituto delle Finanze dell’Università di Istanbul. 
Nel 1977, assieme al marito Ragip, fonda le Edizioni “Belge” e dal 1986 lavora come membro attivo nell’associazione dei Diritti Umani turca: partecipa a indagini sulle carceri e la tortura, pubblicando 30 libri di scrittori detenuti. 
Viene arrestata varie volte: nel 1982, nel 1984, nel 1994, nel 1996. Viene condannata a 2 anni di reclusione nel 1995, torturata ripetutamente con scariche elettriche, per aver pubblicato il libro di Yves Ternon Il tabù armeno. Nel 1997, processata per aver pubblicato il volume dell’autore armeno Vahakn Dadrian Il genocidio, viene assolta e, per la prima volta viene distribuito liberamente in Turchia un testo sul genocidio degli armeni.
Ayse ha ricevuto molti premi: dall’Unione degli Editori Turchi, da Human Right Watch, dal Pen Americano, dall’Unione Mondiale degli Scrittori e, nel novembre 2001 il premio "Padova - Città dei Giusti".
E’ morta, dopo breve malattia, il 28 gennaio del 2002.

preview

Produzioni multimediali per presentare personaggi, storie, luoghi, eventi che hanno segnato la storia dell'Europa e delle regioni ai suoi confini.
Interviste, film, documentari, mostre, trailer.

preview

Istituti di ricerca privati e pubblici, associazioni culturali, musei, memoriali, dedicati alla memoria e alla storia del proprio passato e dell'Europa, divisi per nazione.
Recapiti,  link e immagini.

preview

Documenti in originale riprodotti per la consultazione.
Fonti autografe, lettere, diari, dediche, fotografie, frontespizi, articoli d'epoca, messaggi, fonogrammi, autorizzazioni e ordini governativi, militari e amministrativi, altri reperti archivistici.

Wefor è il sito dedicato alle figure di resistenza morale ai totalitarismi. I Giardini virtuali dei Giusti d'Europa e la sezione didattica YouFor sono l’anima di questo progetto realizzato da Gariwo, la foresta dei Giusti. Con l’istituzione della Giornata europea dei Giusti da parte del Parlamento di Bruxelles, Wefor ha trovato il suo più alto riconoscimento.