English version | Cerca nel sito:

L'albero di Natale dei Giusti

il Progetto del Liceo Scientifico Valdemaro Vecchi Trani

Gli alunni del Liceo Scientifico Valdemaro Vecchi di Trani sono coinvolti, per l’anno scolastico 2018-19, nel progetto “Adotta un Giusto”, inserito nel percorso di "Cittadinanza e Costituzione". Il progetto, volto alla promozione della crescita culturale e civile degli studenti e tutt’ora in corso, ha previsto l’approfondimento del tema dei Giusti da parte delle classi partecipanti al concorso indetto da Gariwo, in due giornate di ricerca e di studio svoltesi nella biblioteca comunale cittadina. Durante le due lezioni speciali interamente dedicate all’argomento, gli alunni delle classi II A, II C e II D, sensibilizzati sul tema anche attraverso il brainstorming, hanno scelto quale Giusto adottare e hanno espresso le loro sensazioni e riflessioni, cominciando a produrre gli elaborati rispondenti alle richieste del bando.

Durante l’assemblea d’istituto di dicembre, attraverso un seminario itinerante, gli studenti coinvolti nel progetto hanno informato il resto della comunità scolastica sul proprio lavoro e, partendo dall’idea che “c’è un albero per ogni uomo che ha scelto il bene”, hanno proposto di allestire, per le festività natalizie, l’albero dei Giusti al posto del consueto albero di Natale, celebrando il mistero che ha segnato e continua a segnare la storia dell’uomo, con l’albero dei Giusti e facendo di Gesù, il Giusto tra i Giusti.

L’idea, accolta con entusiasmo dal resto della comunità, prende forma e i ragazzi allestiscono nell’androne della scuola il loro albero dei Giusti, un abete vero, decorato con i “passaporti” che indicano le generalità dei sette Giusti adottati dalla scuola per quest’anno, il motivo della loro adozione e nel contempo, sottolineano il loro cosmopolitismo.

Sulla cima dell'abete campeggiano una corona d'alloro, tributo di onore e sapienza, e una scritta in greco: ti esti?, la domanda delle domande, cos’è l'albero dei Giusti? Che hanno fatto per l'umanità...? Sotto l'albero, nel posto solitamente riservato ai doni, i volti dei Giusti ricordano il loro 'essere dono' per l' umanità; al lato, su un leggio il Libro dei Gusti, realizzato ad hoc interamente dai ragazzi, illustra le storie dei Giusti e il significato dell'albero dei Giusti a Natale.

In fase di realizzazione è la versione virtuale, un monumento verde interattivo con relativo blog, al cui link si può accedere dal sito del nostro Liceo.

Il giorno 6 marzo, Giornata dei Giusti dell’umanità è prevista la piantumazione dell’albero nel giardino della scuola.

Il progetto, nato nel corrente anno scolastico e inserito nel Ptof 2019-2021, sarà riproposto per i prossimi anni scolastici, con l’obiettivo di promuovere tra i giovani la conoscenza dei Giusti e tenerne vivo il loro ricordo.

Gariwo ringrazia la Prof. Angela Doriana Di Liddo per il materiale fornito alla redazione

12 dicembre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Il progetto "Adotta un Giusto" del Liceo Scientifico Valdemaro Vecchi Trani

le immagini dei ragazzi

Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Il libro

Il segreto

Antonio Ferrari

Multimedia

Il dovere della memoria

intervista a Livia Pomodoro

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia