English version | Cerca nel sito:

Cercando un altro Egitto

il dissidente Noor Ayman Noor: "Vogliamo essere liberi"

Un'istantanea del video

Un'istantanea del video

Il quotidiano britannico Guardian ospita l'analisi di Ayman Mohyeldin, giornalista di Al Jazeera, e l'auspicio di libertà dell'attivista Noor Ayman Noor, arrestato il primo giorno della rivolta in piazza Tahrir.

"Ci sono due Egitti" afferma il giornalista, "uno rivoluzionario spinto da ideali e intento a domandare riforme politiche e cambiamento istituzionale e uno dell'esercito che cerca di mantenere il pugno di ferro sulla popolazione. Nessuno sa come finirà la rivoluzione che li ha visti emergere, ma alcune cose sono cambiate. Al posto delle decisioni d'autorità è subentrato il dialogo e i giornalisti dei media stranieri non sono più visti come agenti destabilizzanti, ma come persone che contribuiscono a ricostruire il Paese".

Il dissidente paragona l'Egitto a un cane che si è liberato dalla catena: "Il suo desiderio era solo essere libero, ma ora gira intorno e non sa che direzione prendere. La vera battaglia non era buttare giù Mubarak, ma porre termine alla corruzione nel Paese. Non nel senso dell'appropriazione indebita di denaro, ma nel senso della corruzione dei nostri valori. Gli egiziani hanno vissuto in terribili condizioni per così tanti anni che ora non hanno altro a cui aggrapparsi che la fede e questo può portare al fondamentalismo. Credo fortemente che il nuovo governo possa evitare la violenza lavorando a questa situazione e promuovendo lo sviluppo del Paese". 

  

19 maggio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Omaggio a padre Popieluszko

in occasione dei funerali

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo