English version | Cerca nel sito:

"Apriamo Gaza per indebolire Hamas"

Amira Hass chiede un gesto di bontà insensata

Per indebolire veramente Hamas bisogna sorprenderlo aprendo la striscia di Gaza a tutte le persone, non solo a un gruppetto di musulmani che riescono a farsi strada tra la burocrazia egiziana. In questo modo sarà evidente quanto gli abitanti della striscia desiderino la vita. 

È la tesi della giornalista Amira Hass che su Haaretz chiede a Israele un gesto di bontà insensata secondo la definizione di Vasily Grossman. Hass evidenzia la necessità che i giovani conoscano la diversità che sta scomparendo a Gaza. Così facendo scopriranno che questa diversità è più positiva della realtà monolitica che conoscono ora.

Per la giornalista "Secondo la leggenda apocrifa la chiusura - il regime di restrizione della libertà di movimento - è stata imposta ai palestinesi a causa della rigidità del movimento islamico e degli attacchi terroristici contro gli israeliani.
Questa realtà umana è sempre più isolata dal mondo esterno e sta sperimentando una variante più sofisticata che mai dell'oppressione di Israele e di un'assenza di soluzioni concrete dalla leadership dell'OLP. In queste circostanze, perché dovremmo sorprenderci del fatto che gli emissari di Allah in terra riescano a conquistare il cuore della gente?"

2 novembre 2010

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Il libro

Sottomissione

Michel Houellebeqc

Multimedia

Giusti a Tunisi contro il terrorismo

le parole di Hamadi ben Abdesslem

La storia

Gorka Landaburu

il giornalista spagnolo bersaglio dell'Eta